Verbale di infrazione per divieto di sosta con numero civico errato

Argomenti correlati:

Io ho ricevuto un verbale di accertamento d’infrazione per una sosta su MARCIAPIEDE: premetto che paghero’ il verbale, ma considerando che il marciapiede dove ho lasciato l’auto è ampio 5 metri e quindi non intralciava il passaggio dei pedoni, ho una curiosità.

Il verbalizzante ha messo la via corretta ma il numero civico errato. Sul verbale è riportato 1. E all’1 è impossibile parcheggiare sul marciapiede in quanto ci sono i dissuasori e l’unico posto è un passo carrabile.

Al 3 dove c’era la mia auto c’è la fermata del tram e quindi il marciapede è ampio e permette la sosta di un veicolo senza creare disagi ai pedoni. La multa mi è stata fatta solo perchè qualche condomino ha chiamato la pattuglia.

La mancanza del bollettino sull’accertamento (era un foglio prestampato senza alcuna indicazione) in quanto la vigilessa ha usato un IPAD per segnalare le auto, non mi ha permesso di pagare subito la multa. La domande però è: l’errore commesso dal verbalizzante che ha inserito il numero errato è impugnabile per un ricorso?

Per contestare l’errore del verbalizzante andrà, ovviamente, presentato ricorso al Giudice di pace nei termini di legge (30 giorni dalla data dell’infrazione): tuttavia, l’atto pubblico (il verbale) fa piena prova fino a querela di falso delle dichiarazioni dei fatti che il pubblico ufficiale (il vigile) attesta avvenuti in sua presenza (articolo 2700 del codice civile).

Pertanto, in corso di causa (o anche in via principale), ex articolo 121 o 162 del codice di procedura civile, dovrà essere proposta pure la querela di falso e il processo si interromperà finché la verità del documento non sia stata accertata con sentenza passata in giudicato. Come vede, la strada da percorrere è lunga, oltre che accidentata: naturalmente il ricorrente dovrà asserire che quel giorno non poteva aver sostato sul marciapiede in quanto, da accertamenti effettuati successivamente, si è potuto rilevare che la sosta sarebbe risultata impossibile, per la presenza di dissuasori e di un passo carrabile.

Inutile aggiungere che il ricorrente non potrà eccepire che il marciapiede, dove aveva lasciato lasciato l’auto, era ampio cinque metri e non intralciava il passaggio dei pedoni: il ricorrente si darebbe, come si suol dire, una zappata sui piedi.

10 Gennaio 2019 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multa per divieto di sosta - il verbale è valido anche senza indicazione del numero civico
L'indicazione del numero civico nel verbale di multa è importante ma non essenziale per la validità dell'accertamento. La multa per divieto di sosta è valida anche quando il vigile omette di indicare nel verbale di preavviso il numero civico dell'accertamento effettuato. Così si è pronunciata la Corte di cassazione, Sez. II civ., con la Sent. numero 19902 del 29 settembre 2011. Un automobilista multato per divieto di sosta si è rivolto al giudice di pace lamentando la mancata indicazione nella multa del numero civico in corrispondenza del quale sarebbe stata accertata l'infrazione. Il magistrato onorario ha accolto le motivazioni addotte ...

Numero civico abitazione errato sia su verbale che su bollettino di pagamento
Buongiorno, a distanza di 5 mesi e mezzo circa (il fatto contestato è avvenuto il 06/11/18) mi sono stati notificati dai Carabinieri presso una loro stazione 2 verbali risalenti al fatto di Novembre. Sia nel verbale, che nel bollettino allegato per il pagamento, è indicato un numero civico errato che non corrisponde alla mia abitazione.Inoltre nei documenti della notifica è allegata una relazione della stazione stessa che ha emesso il verbale che cita: "in data 11/01/19 è stata notificata al TRASGRESSORE con sistema automatizzato e a mezzo del servizio postale, ufficio di Roma Fiumicino, inviando copia verbale . Faccio presente ...

Rinotifica verbale divieto sosta auto infrazione 22/7/10
Ho ricevuto il 7 ottobre 2011 la rinotifica di un verbale per un divieto di sosta del 22 luglio 2010: io fino ad oggi non ho ricevuto alcun avviso da parte della polizia municipale di portici neppure di avvenuta giacenza. Cosa devo fare? Chiedere all'ufficio verbali la relata della 1^ notifica? Ma come devo calcolare il decorso della prescrizione visto che sono trascorsi circa 13 mesi dall'infrazione? Premesso che non risulterebbero irregolarità nel verbale devo eccepire la cosa al prefetto e spendere 37 euro per il ricorso al giudice di pace? Confermo di non aver mai ricevuto notizie sinora dell'infrazione. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Verbale di infrazione per divieto di sosta con numero civico errato