Truffato dal promotore finanziario - Posso chiedere i danni alla banca?

Sono, o meglio ero, un risparmiatore che ha perso molto denaro perché truffato dal promotore finanziario al quale avevo fatto gestire il mio denaro, dietro consiglio dell'istituto di credito presso cui custodivo il denaro.

Oltre ad essersi intascato una bella somma per lui, il sedicente promotore mi ha sempre nascosto che stavo quasi prosciugando il capitale.

Sono riuscito a scoprire della sciagura solo dopo insistenze reiterate.

Adesso, avendo aperto un procedimento per truffa nei confronti del "signore", vorrei sapere se posso chiedere il risarcimento dei danni alla banca che me lo ha presentato.

Sono sempre più numerose le storie in cui i risparmiatori restano vittime delle truffe di consulenti e promotori finanziari, che carpendo la loro fiducia, promettono rendimenti astronomici in tempi brevi.

Purtroppo accade, però, che i soldi consegnati a questi truffatori, vengano investiti male solo per far accrescere le commissioni, oppure, nei casi più gravi, non vengano investiti per niente, finendo integralmente nelle tasche dei millantatori.

Dunque, prima di affrontare la questione della responsabilità, vogliamo fornire alcuni consigli pratici da seguire per evitare le truffe in questo settore.

Innanzitutto, è bene sempre verificare che il consulente finanziario sia regolarmente iscritto nell'apposito albo, consultabile sul sito apposito.

Inoltre, è buona norma consegnare al consulente assegni bancari non trasferibili intestati esclusivamente alla banca per cui lavora (lo stesso dicasi per gli ordini di bonifico e documenti similari che devono sempre avere quale beneficiario la banca).

Ancora, verificare puntualmente gli estratti conto ufficiali della banca e non fidarsi di eventuali estratti conto cartacei consegnati dal consulente e tenere presente che per legge il consulente non può utilizzare i codici di accesso telematico all'e-banking di pertinenza del cliente o comunque allo stesso collegati.

Per quanto riguarda il risarcimento del danno che si spera di ottenere dopo aver subito la truffa, è bene sapere che la banca è responsabile insieme al consulente per i danni arrecati al cliente e, pertanto, nell'eventualità in cui si rimanesse vittima di una truffa finanziaria, si potrà chiedere all'istituto di credito il risarcimento del danno.

Infatti, la Corte di Cassazione con la sentenza 18363/17, ha stabilito che la banca deve risarcire i danni se il promotore finanziario nasconde dolosamente l'andamento negativo della gestione patrimoniale.

In tale contesto, si può presumere l'esistenza di un nesso tra l'illecito e il danno subìto dall'investitore, consistito nella perdita totale o parziale del capitale.

Al promotore e alla banca resta la possibilità di fornire la prova contraria dimostrando il rispetto del profilo di rischio del cliente e che le perdite si sarebbero comunque verificate, in misura pari o diversa, anche senza l'illecito del promotore.

La banca e il promotore sono tenuti inoltre a dimostrare che il cliente non avrebbe disinvestito neppure se fosse stato messo al corrente dell'andamento negativo.

4 aprile 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore
tutela consumatore - servizi bancari e finanziari

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La banca è sempre responsabile dell'illecito compiuto in danno del cliente da un suo promotore finanziario
La banca risponde di un illecito compiuto in danno di terzi dal suo promotore che lo abbia commesso in tale veste, con conseguente responsabilità della banca stessa, per effetto della correlazione, al risarcimento del cliente truffato. La circostanza che il cliente abbia consegnato al promotore finanziario somme di denaro con ...
Promotore finanziario infedele - Al cliente truffato nessun addebito per concorso di colpa fino a prova contraria
La banca non solo non può ritenersi esclusa della responsabilità poste a suo carico per i danni arrecati a terzi nello svolgimento delle incombenze affidate ai suoi promotori finanziari per il fatto che il cliente abbia consegnato al promotore le somme di denaro, di cui quest’ultimo si è illecitamente appropriato, ...
Sanzioni e contribuente truffato
Nel caso in cui la violazione è dovuta alla condotta illecita di un professionista iscritto negli appositi albi professionali (nei casi previsti dall'articolo 1, comma 1, della legge 11 ottobre 1995, numero 423), il contribuente truffato può chiedere la sospensione delle sanzioni amministrative irrogate per omesso, tardivo o insufficiente versamento ...
Assegno » La Banca può rifiutarsi di cambiarlo se non siete correntisti?
Una banca non può rifiutarsi di cambiare un assegno bancario a vista solo perché il beneficiario è sprovvisto di conto corrente presso l'istituto di credito. La normativa vigente, regolarizzata dall'articolo 31 del Regio Decreto 1736/1933, chiarisce che ogni assegno bancario è pagabile a vista. Ma, sebbene la legge disponga ciò, ...
Multa » Pochi euro di ammanco? Non raddoppia più
Chi paga immediatamente il verbale di multa nel minimo edittale omettendo le spese del procedimento non può più incorrere in una cartella esattoriale con richieste esorbitanti, ma potrà essere invitato dal comando di polizia semplicemente a regolarizzare il proprio versamento. Ciò è stato evidenziato dall'Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani). L'innovativa ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca