Pignoramento immobiliare non cancellato nei termini e impossibilità di vendere l’appartamento – Posso citare la banca per danni?

A causa di debiti reiterati, quali finanziamenti non onorati e rate del mutuo quasi sempre saltate, mi è stato disposto un provvedimento di esecuzione forzata sull’immobile dove vivevo.

Poco prima del procedimento, però, grazie ad una colletta organizzata da amici e parenti sono riuscito ad azzerare il debito con la banca.

Così, ho sollecitato la cancellazione del pignoramento e dell’ipoteca, avendo anche intenzione di vendere l’appartamento per andare in uno più piccolo e così restituire almeno in parte i soldi donati dai miei cari.

La banca però non sembrava darmi ascolto.

Avevo trovato un acquirente, ma non ho potuto cedere l’immobile, che avevo promesso in vendita come libero da gravami pregiudizievoli, ma che risultava ancora essere sotto espropriazione forzata.

Ho così perso la possibilità della vendita e ho dovuto restituire la caparra.

La banca si è decisa a cancellare i procedimenti solo dopo sei mesi dall’estinzione del debito.

La mia domanda è: posso citarli per danni?

La procedura di cancellazione del pignoramento immobiliare non è automatica come nel caso, ad esempio, della cancellazione dell’ipoteca.

Il pagamento del debito, infatti, non ripercuote automaticamente i suoi effetti sul pignoramento trascritto o sul processo di espropriazione forzata pendente, per la cui chiusura occorre necessariamente l‘intervento giudiziale.

E’ necessario, dunque, un provvedimento giurisdizionale di estinzione del processo esecutivo: si tratta della rinuncia agli atti esecutivi.

Va detto che la legge non fissa un termine per la presentazione della rinunzia al giudice dell’esecuzione.

Pertanto, in mancanza di specifiche pattuizioni tra le parti, si applicano i principi di correttezza e buona fede, in base ai quali il creditore deve salvaguardare il diritto del debitore di conseguire in tempi ragionevolmente contenuti la liberazione dagli effetti pregiudizievoli del pignoramento.

Il creditore è, quindi, tenuto ad agire tempestivamente, considerando le circostanze concrete e, in particolare, lo stato del processo esecutivo pendente.

Infatti, si deve assolutamente evitare che dalla prosecuzione della procedura (che, ribadiamo, non si arresta automaticamente per effetto del pagamento integrale) possa derivare un irreparabile danno al debitore.

Dunque, il debitore potrebbe esigere immediatamente il deposito della rinuncia del pignorante, anche rappresentandogli circostanze che determinino l’urgenza di estinguere la procedura e di ottenere la cancellazione della trascrizione del pignoramento, come appunto, la necessità di vendere l’immobile.

Interessante in questo senso è la sentenza 27545/17.

A parere della Corte di Cassazione, in merito ai principi di correttezza e buona fede, per consentire la liberazione del bene immobile dagli effetti pregiudizievoli del pignoramento, il creditore che è stato soddisfatto deve rinunciare agli atti esecutivi senza necessità di alcuna sollecitazione da parte del debitore ed entro un termine ragionevolmente contenuto, avuto riguardo allo stato della procedura pendente e ad eventuali motivi di urgenza a lui noti, sempre che l’esecutato non esiga espressamente un immediato deposito dell’atto di rinunzia.

Però, precisano gli Ermellini, la banca non risponde delle occasioni perdute dal proprietario dell’immobile pignorato, anche se può astrattamente fondarsi un rimprovero all’istituto di credito che, ricevuta la diffida del debitore a rinunciare agli atti esecutivi, ha mancato di provvedervi immediatamente.

19 Gennaio 2018 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Posso vendere la casa a rischio pignoramento?
Buonasera sono proprietario di una casa a rischio pignoramento: l'immobile è intestato al 50% a nome mio e al 50% a nome di mia moglie in regime di separazione dei beni e con un mutuo solo a mio nome (mia moglie ha acquistato la sua parte di casa con un'eredità della sua famiglia). Sono anche il legale rappresentante di una Snc (non con mia moglie) che ha una causa civile in corso che non procede a nostro favore e molto probabilmente sarò costretto a pagare la cifra richiesta (cifra al momento per noi inarrivabile se non vendendo la mia parte ...

Asta immobiliare debito banca - equitalia
Ho un immobile che è andato all'asta per un valore di €.140.000 ipoteca di 1° grado banca valore €.110.000 ipoteca di 2° grado equitalia valore 80.000 altri debiti equitalia €. 50.000 Vorrei sapere se dopo la vendita riscuote prima equitalia della banca perchè è un debito dello stato ed ha la priorità anche se ha ipoteca di 2° grado e se può richiedere anche le somme non iscritte €.50.000, dal momento che mi fu detto da equitalia che se avrei voluto io stesso cancellare ipoteca avrei dovuto pagare sia quelle iscritte che quelle no. Se non fosse così la banca ...

Bonifico ad amico per svuotare conto corrente - La banca non esegue e mi pignorano tutto: posso chiedere danni?
A causa di un debito con un creditore, dopo aver ricevuto l'atto di precetto, per salvaguardare i miei risparmi in banca, ho deciso di svuotare il conto effettuando un bonifico in favore di un mio amico. Non so per quale motivo, però, la banca non ha provveduto in tempo all'esecuzione dell'ordine e nel frattempo, si è presentato l'ufficiale giudiziario per notificare l'atto di pignoramento del conto corrente. Ho subito, così, il blocco di tutte le somme. Posso chiedere il risarcimento in quanto mi è stato provocato un danno per la mancata esecuzione del bonifico? Quali margini di successo potrebbe avere ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento immobiliare non cancellato nei termini e impossibilità di vendere l’appartamento – Posso citare la banca per danni?