Indennità di disoccupazione NASPI - Truffa INPS o tutto regolare?

A giugno 2015 a 52 anni, con l'avvento della riforma Fornero, l'azienda privata con la quale avevo lavorato per 11 anni con contratto a tempo indeterminato, pensa bene di liberarsi di me. Mi rivolgo all'INPS,che mi concede 672 giorni di NASPI. A febbraio 2017 (Dopo aver usufruito di 390 giorni di NASPI) Trovo occupazione con contratto a tempo determinato di 4 mesi fino al 30 giugno 2017. Scaduto detto contratto e non rinnovato, faccio nuovamente richiesta all'INPS per la NASPI, e questa volta me ne concede solamente 105 giorni (di cui usufruiti soltanto 10 giorni). Trovo nuovamente occupazione l'8 settembre 2017 con contratto a tempo determinato ma fino al 30 settembre. Vorrei capire se sono stato truffato da incompetenti allo sportello INPS e CAF o rientra tutto in una più "Ampia truffa di Stato"? Cosa mi sarebbe spettato? Ci sarebbero ancora i termini per un eventuale ricorso? E cosa mi spetterebbe da oggi 1 ottobre 2017 nuovamente disoccupato?

Per calcolare il numero di giornate per le quali al disoccupato spetta l'indennità NASPI, bisogna far riferimento ad una finestra temporale che parte dal giorno in cui si vuole effettuare il calcolo e va all'indietro di quattro anni. Bisogna disporre, in pratica, delle buste paga mensili.

Nella finestra temporale quadriennale sopra indicata, va poi individuato il numero di settimane utili di contribuzione (quelle versate dal datore di lavoro) che occorrerà dividere per due e moltiplicare per 5. Si ottiene così il numero di giornate per la quali è ancora possibile fruire dell'indennità di disoccupazione.

Sono evidenti alcuni aspetti: innanzitutto la NASPI non può essere fruita per più di un biennio; eventuali periodi di lavoro con collocazione in permesso non retribuito (quindi senza contributi assistenziali e previdenziali versati) non sono utili per il calcolo delle giornate di indennità fruibili dal disoccupato; con il passare delle giornate in cui si beneficia dell'indennità di disoccupazione, la finestra temporale quadriennale si sposta in avanti: questo per dire, in parole povere, che ogni giornata di contribuzione che ha già consentito di accedere ad una giornata di indennità di disoccupazione non rientra più in un eventuale calcolo successivo di aggiornamento.

3 ottobre 2017 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

indennità di disoccupazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Una volta raggiunta l'indipendenza economica, il figlio maggiorenne, che perde il posto di lavoro, non ha più diritto all'assegno di mantenimento
Una volta raggiunta la capacità lavorativa, e quindi l'indipendenza economica, la successiva perdita dell'occupazione non comporta la reviviscenza dell'obbligo del genitore al mantenimento dei figli maggiorenni. Si tratta del principio di diritto enunciato, nella sentenza 6509/2017, dai giudici della Suprema Corte di cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità di una ...
Tutte le indennità di disoccupazione previste dalla normativa vigente » Quando come e perchè spettano
Il quadro completo di tutte le indennità di disoccupazione che sono attualmente previste dalla normativa vigente: tra le più importanti, ASPi, NASDI DISS-COLL. L'INPS eroga prestazioni a sostegno del reddito in favore di soggetti che hanno perso il lavoro, se soddisfatti i requisiti previsti dalla legge. La procedura per la ...
Divieto di cumulo fra indennità di disoccupazione e assegno ordinario di invalidità - Ma l'invalido può optare per l'indennità di disoccupazione
Il divieto di cumulo dell'indennità di disoccupazione con i trattamenti pensionistici a carico dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, vecchiaia e i superstiti, si estende all'assegno ordinario di invalidità, la cui natura di trattamento pensionistico trova conferma nella modalità di erogazione che avviene secondo il sistema dell'assicurazione generale obbligatoria, nella modalità ...
Esonero contributivo per neoassunti » Novità e proroga : ecco di cosa si tratta
Esonero contributivo per neoassunti: novità, dettagli, particolarità e proroga fino al 2017, ecco di cosa si tratta. Allo scopo di promuovere forme di occupazione stabile, la Legge di stabilità 2016 ha introdotto l'esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, nella misura del 40 per cento ...
Il comodato a tempo determinato, a tempo determinabile ed il comodato precario senza determinazione di durata
Il codice civile disciplina due forme del comodato, quello propriamente detto, regolato dagli articoli 1803 e 1809 e il cosiddetto comodato precario, al quale si riferisce l'articolo 1810 del codice civile, rubricato come comodato senza determinazione di durata. Nel caso di comodato precario, connotato dalla mancata pattuizione di un termine ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca