Possono pignorami i compensi per le prestazioni professionali rese a terzi?

Di recente sono stato contattato da un tizio di Banca Ifis che mi ha comunicato che la loro banca ha acquistato il mio debito da Finemiro: la cifra originaria era circa € 24 mila dieci anni fa, ora lievitata a oltre 40 mila.

Gli ho risposto con sincerità che non ho un centesimo e che sono impossibilitato a trovare soluzioni di qualsiasi tipo e l'ho invitato in modo educato a fare ciò che ritiene opportuno.

Il mio numero di telefono l'ha trovato in quanto pubblicato sul sito internet dell'azienda in cui lavoro, in una sezione strategica del sito stesso che può facilmente fare pensare che il mio inquadramento sia di tipo dipendente, ma non è così; infatti sono un consulente autonomo con partita iva che percepisce solo un compenso dietro presentazione di fattura.

Immagino che Ifis speri di potermi pignorare 1/5 di stipendio, ma, come detto, di stipendi in busta paga non ne ho.

E' possibile che provino comunque a mettersi in contatto con l'azienda per cui opero, richiedendo notizie sul mio conto in termini di inquadramento e compensi, oppure potrebbero portare avanti una pratica di pignoramento presso terzi a prescindere, scoprendo poi solo successivamente la natura del mio rapporto con l'azienda?

Non so se riusciranno ad aggredire i miei compensi, dato che sono lavoratore autonomo, ma il coinvolgimento dell'azienda in una faccenda del genere sarebbe per me molto grave e dannoso.

Banca IFIS potrebbe notificare al terzo un atto di pignoramento con l'invito a comparire ex articolo 547 del codice di procedura civile.

Con dichiarazione a mezzo raccomandata inviata al creditore procedente il terzo deve specificare quali somme deve al debitore e quando ne deve eseguire il pagamento.

Pertanto, qualora la notifica intervenisse fra la presentazione della fattura ed il pagamento della stessa, il corrispettivo per la consulenza prestata potrebbe essere interamente pignorato.

E' chiaro, tuttavia, che il creditore non può coinvolgere l'azienda alla quale il debitore rende prestazioni professionali se non attraverso la dichiarazione di cui all'articolo 547 del codice di procedura civile.

28 marzo 2018 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso terzi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Se si ricorre a prestazioni fornite da terzi ed i compensi sono elevati si è soggetti ad IRAP
Con riguardo specifico all'impiego non occasionale di lavoro altrui, costituente una delle possibili condizioni che configurano l'esistenza di un'autonoma organizzazione, la giurisprudenza di legittimità ha già affermato che in tema di IRAP, l'impiego non occasionale di lavoro altrui sussiste se il professionista eroga elevati compensi a terzi per prestazioni afferenti ...
Legittimo il demansionamento del lavoratore in seguito a ristrutturazione aziendale
La disciplina delle mansioni e sul divieto di declassamento va interpretata alla stregua del bilanciamento del diritto del datore di lavoro a perseguire un'organizzazione aziendale produttiva ed efficiente e quello del lavoratore al mantenimento del posto, con la conseguenza che, nei casi di sopravvenute e legittime scelte imprenditoriali, comportanti, tra ...
Garanzia legale » Antitrust sanziona Lidl per 300 mila euro
Regole sulla garanzia legale omesse: l'Autorità Garante della Concorrenza ed il mercato (Agcm) ha infilitto a Lidl una multa di 300 mila euro. Contestato il mancato rispetto delle regole sulla garanzia legale di conformità sui prodotti non alimentari. A causa di questa pratica commerciale scorretta,l'Antitrust ha multato Lidl Italia Srl ...
Illegittimo l'accertamento fiscale relativo ad una annualità in presenza di ricavi e compensi congrui rispetto agli studi di settore più aggiornati
Com'è noto, la procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici, la cui gravità, precisione e concordanza non è ex lege determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli standards in sé considerati, meri strumenti di ricostruzione per ...
Dichiarazione IVA omessa o infedele - Quando non è punibile
La Corte costituzionale, con sentenza 80/14 ha dichiarato, l'illegittimità costituzionale della norma che, con riferimento ai fatti commessi sino al 17 settembre 2011, punisce l'omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto, dovuta in base alla relativa dichiarazione annuale, per importi non superiori, per ciascun periodo di imposta, ad Euro 103 mila. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca