Successione ereditaria senza testamento e lesione della quota di legittima

Con la morte di mio padre, siamo rimasti mia madre vedova e due figlie (io e mia sorella), quindi siamo tutti legittimari, e inoltre mio padre non ha fatto alcun testamento; secondo me ci saranno litigi tra di noi per dividere, in quanto mia sorella ha sempre avuto molti favori anche economici, e mia madre ha preso gran parte dei beni e adesso io voglio vederci chiaro; volevo chiedere questo: se io scopro che esiste una lesione della mia quota di legittima e dovessi fare l’azione di riduzione o qualche altra procedura per recuperare quello che mi spetta, devo accettare l’eredita con beneficio di inventario per non perdere qualche diritto di farmi valere, oppure con accettazione tacita conservo tutte le possibili difese disponibili? Non riesco a capire come devo fare, grazie per l’aiuto.

Quello che può contestare sono i trasferimenti in denaro che suo padre può aver fatto in vita a sua sorella (e a sua madre se il regime patrimoniale adottato dai suoi genitore era quello di separazione dei beni) rilevati dall’analisi degli estratti di conto corrente del defunto a cui lei ha diritto di accedere in qualità di erede.

Non è necessario accettare con beneficio di inventario, opzione che è utile solo quando il de cuius lascia debiti.

Tuttavia, ha bisogno di un avvocato per esercitare l’azione di riduzione delle donazioni in danaro effettuate in vita da suo padre in favore di sua sorella.

27 Aprile 2019 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Successione ereditaria - Violazione quote legittima e collazione
Mia madre (ancora in vita) ha violato palesemente le quote di legittima assegnandone una parte (a me spettante) a mia sorella attraverso donazioni con usufrutto. Posso fare causa per violazione delle quote di legittima, con mia madre ancora in vita? Contro chi va intentata la causa, a mia madre o a mia sorella? ...

Possono i creditori impugnare un testamento per conto del debitore leso nella quota di legittima?
Famiglia composta da madre, padre e 3 figli: madre intestataria al 100% di immobile e padre debitore di istituti di credito. Madre fa testamento e lascia tutto alle tre figlie (marito non fa azione di riduzione). So che i creditori del marito escluso potrebbero comunque impugnare il testamento e fare azione riduzione al posto del loro debitore vero? Entro quali termini, cioè c'e una prescrizione per questi creditori? (es. azione revocatoria di rinuncia ad eredità si prescrive in 5 anni). Inoltre i creditori come fanno a venire a conoscenza del fatto che il loro debitore è stato escluso dal testamento? ...

Il creditore non può sostituirsi al debitore, che ha ereditato per testamento il diritto di abitazione, per rivendicare la lesione della quota di legittima
Tanto per semplificare le idee, supponiamo che il de cuius non abbia fatto testamento ed abbia lasciato in eredità ai suoi due figli un immobile ciascuno, di uguale valore commerciale. Supponiamo che dei due figli uno sia debitore e rinunci all'eredità. Il creditore del figlio debitore, in base all'articolo 524 del codice civile, può impugnare la rinuncia, o meglio esercitare azione revocatoria dell'atto di rinuncia. Infatti, se taluno rinuncia a un'eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza ...

Dove mi trovo?