Spese di mantenimento in carcere - Quando vanno in prescrizione?

Se non avviene nessuna notifica all'ex detenuto e trascorrono oltre 10 anni, il debito va lo stesso in prescrizione?

Il debito relativo alle spese di mantenimento in carcere vanno in prescrizione solo se nessun atto viene notificato all'ex detenuto nei dieci anni successivi alla data di fine pena.

Ma, è importante capire, per evitare facili illusioni, che l'avviso contenente la pretesa di corrispondere le spese di mantenimento in carcere e la successiva cartella esattoriale potrebbero essere state correttamente notificate per giacenza presso gli uffici comunali preposti alla gestione dell'albo pretorio o presso l'ufficio postale, in occasione di temporanea irreperibilità del destinatario.

Come ci si comporta, allora, per verificare ed eccepire l'intervenuta prescrizione delle pretesa di credito? Se sono trascorsi almeno dieci anni dalla data di fine pena, alla prima notifica di un atto nelle mani del destinatario, alla prima misura cautelare (iscrizione di fermo amministrativo o ipoteca) oppure alla prima misura esecutiva subita (pignoramento dello stipendio, del conto corrente eccetera), ci si reca presso gli uffici del Ministero della Giustizia o del suo agente esattoriale (ad oggi Agenzia delle Entrate Riscossione) per controllare se nei dieci anni precedenti ci siano state altre notifiche correttamente perfezionate per compiuta giacenza e, come tali, interruttive dei termini di prescrizione.

Mi sembra anche l'occasione buona per ricordare che esiste la possibilità di remissione del debito: il beneficio consiste nell'esenzione dei condannati e degli internati dal pagamento delle spese, sia del procedimento sia del loro mantenimento in carcere.

L'applicazione del beneficio è possibile alla doppia condizione che i condannati e gli internati si trovino in disagiate condizioni economiche e che abbiano tenuto regolare condotta.

8 marzo 2018 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

spese di giustizia

Approfondimenti e integrazioni dal blog

All'avvocato non basta l'invio di una nota spese al cliente per interrompere il decorso della prescrizione presuntiva
Com'è noto, se sono trascorsi tre anni dalla data in cui il professionista può dimostrare di aver erogato al cliente una certa prestazione, interviene la prescrizione presuntiva, il debito può considerarsi saldato ed il diritto del creditore estinto. Salvo che il professionista non produca scritti del cliente (ad esempio una ...
Prescrizione per la parcella di un avvocato - Decorrenza, comunicazione interruttiva dei termini ed implicazioni dell'eccezione di prescrizione
Costituisce atto idoneo ad interrompere la prescrizione l'inoltro della richiesta di adempimento per lettera raccomandata, la cui spedizione è provata dalla relativa ricevuta e i cui particolari doveri di consegna a carico del servizio postale ne fanno presumere l'arrivo al debitore, pur in assenza della ricevuta di ritorno. Solo a ...
Separazione - la prescrizione quinquennale riguarda il rateo mensile non il mantenimento
In materia di separazione e divorzio, la prescrizione quinquennale non riguarda il diritto al mantenimento. La prescrizione riguarda, invece, la singola rata dovuta ogni mese, in cinque anni dalla scadenza. Il diritto all'assegno divorzile ed il diritto all'assegno di mantenimento sono imprescrittibili. Ciò che si prescrive sono, è bene ribadirlo, ...
Da quando decorre la prescrizione di un decreto ingiuntivo?
Un decreto ingiuntivo ha prescrizione decennale, non ci piove, ma ci si chiede da quale momento la prescrizione decennale decorra. La prescrizione decennale di un decreto ingiuntivo, prevista dall'articolo 2953 del codice civile, decorre non dal giorno in cui sia possibile l'esecuzione della sentenza, né da quello della sua pubblicazione, ...
La prescrizione del bollo auto - se il mancato pagamento è consecutivo vanno pagati solo gli ultimi tre anni
Il decreto legisl. 30 aprile 1992 numero 285 e successive modificazioni, all'articolo 96 - Adempimenti conseguenti al mancato pagamento della tassa automobilistica - comma 1), recita: “Ferme restando le procedure di recupero degli importi dovuti per le tasse automobilistiche, l'ACI, qualora accerti il mancato pagamento di detti tributi per almeno ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca