Assegno di mantenimento dopo separazione personale » le spese straordinarie non vanno previste a forfait

Le spese straordinarie sostenute dall'ex coniuge affidatario dei figli per il loro mantenimento non possono essere liquidate a forfait e neppure inserite nell'assegno di mantenimento.

Le spese straordinarie, ovvero le spese mediche, scolastiche e tutte quelle che non rientrano nella normale vita quotidiana non possono essere calcolate anticipatamente e inserite nell'assegno di mantenimento. Questo perché l'ex coniuge, il quale corrisponde già l'assegno, deve partecipare anche a tutte le spese necessarie per il mantenimento dei figli.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 18869/14.

Nel chiarire la questione, la Suprema Corte ha tenuto a puntualizzare, innanzitutto, la nozione di spese straordinarie, stabilendo che devono essere ricomprese quelle che, per rilevanza, imprevedibilità, e imponderabilità sono escluse dall'ordinario regime di vita dei figli.

Pertanto, a parere degli Ermellini, la loro inclusione a forfait nell'ammontare dell'assegno può essere in contrasto con il principio di proporzionalità e con quello dell'adeguatezza del mantenimento: inoltre, i figli potrebbero avere un danno, rischiando di essere privati, nel caso non lo permettessero le possibilità economiche del solo genitore beneficiario dell'assegno di mantenimento, di cure necessari o di altri indispensabili apporti.

Da notare, comunque, che il nostro ordinamento giuridico non prevede un'elencazione precisa delle spese straordinarie né una disciplina specifica nelle norme relative alla fissazione dell'assegno di mantenimento.

Ciò nonostante, i giudici lasciano sempre fuori dall'assegno di mantenimento le spese straordinarie e ciò, come detto, per via del loro carattere imprevedibile e imponderabile.

Concludendo, da ciò che si evince dalla pronuncia in esame, l'ex coniuge è tenuto a rimborsare i costi sostenuti dall'altro genitore per l'acquisto dei libri, del materiale didattico, le spese mediche, i viaggi scolastici, anche se corrisponde già l'assegno di mantenimento. Le spese straordinarie, dunque, non possono essere quantificabili in precedenza ed incluse nell'assetno.

9 settembre 2014 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione dei coniugi - genitore non affidatario e spese straordinarie dei figli
In tema di separazione e divorzio, il genitore non affidatario non decide sulle spese straordinarie dei figli, anche se è tenuto a pagarle. Con la recentissima sentenza numero 8676 del 12 aprile 2010 la Corte di Cassazione ha stabilito che il genitore non affidatario, tenuto al mantenimento, non può contestare ...
Separazione e spese straordinarie per i figli - Non possono essere corrisposte in modo forfetario
Il dovere di mantenere, istruire ed educare la prole, obbliga ciascun coniuge a far fronte alle molteplici esigenze dei figli, di tipo personale e sociale, in misura proporzionale al proprio reddito e a quello dell'altro genitore, considerando il tenore di vita goduto dal figlio in costanza di convivenza con entrambi ...
Spese straordinarie per il mantenimento dei figli - nessun obbligo di informazione e concertazione preventiva a carico del coniuge separato affidatario o collocatario
Non è configurabile a carico del coniuge affidatario o collocatario un obbligo di informazione e di concertazione preventiva con l'altro, in ordine alla determinazione delle spese straordinarie, compatibili con i mezzi economici di cui i genitori dispongono trattandosi di decisione "di maggiore interesse" per il figlio, e sussistendo, pertanto, a ...
Separazione personale » L'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge
Nell'ambito di una separazione personale, l'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge obbligato. L'assegno di mantenimento da corrispondere al coniuge beneficiario deve essere calcolato dal giudice tenendo in considerazione il reddito netto percepito dal soggetto onerato e non quello lordo. Questo l'orientamento espresso dalla Corte ...
Separazione personale » Anche se il matrimonio è stato breve l'assegno di mantenimento va comunque corrisposto
Nell'ambito di una separazione personale, qualora il matrimonio sia stato particolarmente breve, va comunque corrisposto l'assegno di mantenimento da parte del coniuge obbligato. La breve durata del matrimonio può incidere sul quantum dell'assegno di mantenimento, non sul diritto a riceverlo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno di mantenimento dopo separazione personale » le spese straordinarie non vanno previste a forfait. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno di mantenimento dopo separazione personale » le spese straordinarie non vanno previste a forfait Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 9 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca