Posso ottenere lo sgravio della cartella esattoriale emessa per un ritardo di qualche giorno nell'adempimento di un avviso bonario?

A causa di un problema di flussi bancari non é stato accettato un pagamento di una rata di un avviso bonario (ahimè soggetta a ravvedimento).

Nonostante abbia intimato la mia commercialista di pagare immediatamente il giorno dopo la medesima, dopo un colloquio con l'agenzia delle entrate in un margine di 5 giorni dalla scadenza ho pagato sia la rata insoluta che quella a scadenza naturale e da lì ho continuato a pagare come sempre ponendo più attenzione ai flussi. Bene, a novembre é arrivata la cartella e fino ad ora nulla é valso dimostrare la mia buona fede (documentata da estratti conti e tracciabilitá della delega da parte della commercialista).

Domani con il direttore della banca faró gli ultimi tentativi. Sono dentro la scadenza?! Ho possibilità di continuare a pagare come ho sempre fatto senza inciampare nel 30% di mora che trovo ingiusto e che onestamente mi darebbe il colpo di grazia?! É palesemente documentata la mia buona fede.

Mi spiace tantissimo, ma non vedo cosa possa fare il direttore della banca: a meno che l'istituto di credito non decida di accollarsi la sanzione riconoscendo proprie responsabilità nel ritardato pagamento.

Non è questione di buona o cattiva fede: nessuno, fra i dirigenti dell'Agenzia delle Entrate ha la facoltà, anche volendo, di annullare la sanzione. Si tratta di procedure automatizzate che non prevedono eccezioni senza manomissioni delle procedure o nella registrazione delle informazioni (la data del versamento effettuato in ritardo).

28 gennaio 2018 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

avviso di intimazione di pagamento
fisco tributi e contributi - situazioni particolari

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Nullo l'accertamento tributario che non reca la sottoscrizione del capo dell'ufficio o di altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato
E' espressamente richiesta dalla legge la delega a sottoscrivere e che il solo possesso della qualifica non abilita il direttore tributario alla sottoscrizione, dovendo il potere di organizzazione essere in concreto riferibile al capo dell'ufficio. La giurisprudenza di legittimità ha sempre ribadito che l'avviso di accertamento tributario è nullo se ...
Pagamento tardivo dell'assegno avvenuto nei termini ma quietanza presentata con tempestivo ritardo
Numerose precedenti decisioni dell'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) hanno stabilito il principio secondo cui non possono essere trattate allo stesso modo la fattispecie in cui la banca trattaria abbia trasmesso il nominativo del traente all'archivio CAI dopo aver ricevuto la prova dell'avvenuto pagamento in tempestivo ritardo e quella in cui tale ...
Imposte dichiarate e non versate - Nessun avviso bonario prima della cartella esattoriale
Quando dai controlli automatici eseguiti dall'Agenzia delle entrate emerge un risultato diverso rispetto a quello indicato nella dichiarazione, ovvero dai controlli eseguiti dall'ufficio, emerge un'imposta o una maggiore imposta, l'esito della liquidazione (avviso bonario o comunicazione di irregolarità) è comunicato al contribuente o al sostituto d'imposta per evitare la reiterazione ...
Rc auto a rate - Scaduto il periodo di tolleranza la garanzia riparte alle ore 24 del giorno in cui viene effettuato il pagamento
In relazione alle scadenze successive alla prima rata dell'assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile auto, il pagamento effettuato dopo il quindicesimo giorno dalla scadenza della rata precedente non comporta l'immediata riattivazione del rapporto assicurativo. Così come avviene per il pagamento della prima rata, laddove l'assicurazione resta sospesa fino alle ore ...
Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti