Definizione agevolata a saldo stralcio delle cartelle esattoriali – Validità della DSU e isee corrente

Ad oggi si può presentare la domanda per il saldo e stralcio delle cartelle: dal sito dell’Agenzia delle Entrate si può scaricare il modello da compilare. Qualcuno può chiarire se si può inserire anche il dsu (isee) del 2018 che scade il 15 gennaio se si presenta la domanda prima di questa data o se bisogna inserire quello del 2019 e qualcuno può chiarire se si può inserire il dsu (isee) corrente che ha validità due mesi o non è valido quest’ ultimo. A chi mi devo rivolgere per avere informazioni esatte in merito a queste domande ? Grazie

L’istanza di richiesta di adesione alla definizione agevolata delle cartelle esattoriali a saldo stralcio
– rectius, definizione dei carichi rientranti nell’ambito applicativo dell’articolo 1, commi 184 e 185, della legge 145/2018 (Saldo e stralcio) – prevede che il debitore debba dichiarare sotto la propria responsabilità, ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000, consapevole delle sanzioni, penali previste dall’articolo 76 dello stesso decreto (in caso di dichiarazioni mendaci e di formazione o uso di atti falsi), di aver presentato la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU e debba altresì indicare il numero di protocollo della Dichiarazione Sostitutiva Unica nonchè la data di presentazione (che, naturalmente, deve, al momento della richiesta di definizione agevolata, rientrare nel periodo di validità stabilita dalla normativa vigente).

Ne discende che, se la richiesta di adesione alla definizione agevolata viene presentata entro il 14 gennaio 2019, il numero di protocollo può fare riferimento ad una DSU risalente al 2018. Se, invece, la richiesta di adesione alla definizione agevolata viene presentata a partire dal 15 gennaio 2019, il numero di protocollo deve fare riferimento ad una DSU valida e, dunque, risalente al 2019. Ancora, il numero di protocollo da riportare nell’istanza può fare riferimento ad una DSU/ISEE corrente (in presenza di rilevanti variazioni del reddito dovute ad eventi avversi come licenziamento o collocamento in Cassa Integrazione Guadagni), purchè quest’ultima sia in corso di validità, ovvero risalente a non più di due mesi prima decorrenti (a ritroso) dalla data in cui viene presentata istanza di definizione agevolata ai sensi dell’articolo 1, commi 184 e 185, della legge 145/2018 (Saldo e stralcio).

9 Gennaio 2019 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Saldo e stralcio cartelle esattoriali e ISEE corrente
Sono stato in cassa integrazione per oltre 4 mesi fino a metà dicembre, ho chiesto un mese fa l'isee ordinario e poi l'isee corrente che mi è stato validato con un importo di 10 mila e 500 euro, il 15 gennaio 2019 scade l'isee 2018 e dovrò richiedere quello per il 2019: richiederò nuovamente prima l'isee ordinario e poi l'isee corrente in quanto metà mese di dicembre sono stato posto in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS). Posso aderire al saldo e stralcio con l'isee corrente? Volevo utilizzare quello del 2018 ma ancora deve uscire il modulo per presentare la domanda, ...

Definizione agevolata a saldo stralcio delle cartelle esattoriali - Mio fratello vorrebbe aderire se riaprono i termini ma lavora all'estero e non sa come fare l'ISEE
Mio fratello ha in situazione debitoria aperta con Equitalia: se ci sarà una proroga della rottamazione delle cartelle vorrebbe usufruire del saldo a stralcio. Lui però non lavora più con la sua ditta italiana ma ha aperto una partita iva estera. Per definire l'isee in quel caso come deve fare? Si può fare anche all'estero? O deve farlo per forza in Italia? ...

Saldo e stralcio delle cartelle esattoriali - Dilazioni della definizione agevolata con scadenze differenti fra FAQ di Agenzia delle Entrate Riscossione e testo della legge?
Navigando nel web alla ricerca di informazioni sul saldo e stralcio, a cui sono interessato, mi sono imbattuto in una evidente contraddizione tra il testo ufficiale della legge 145/2018 che lo regola e le FAQ dell'agenzia delle entrate riscossione. L'argomento specifico riguarda cartelle inserite nella richiesta di stralcio che, non avendo i requisiti richiesti, vengono d'ufficio passati alla rottamazione ter. Entrambi le fonti parlano di una dilazione su 17 rate, con la prima rata al 30% del dovuto, da versare entro il 30 novembre del 2019 e le restanti 16 rate, di pari importo, da versare, a partire dal 2020, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Definizione agevolata a saldo stralcio delle cartelle esattoriali – Validità della DSU e isee corrente