Sacchetti biodegradabili a pagamento per la spesa – Come fare per aggirare questa odiosa legge?

Dopo l’approvazione della legge che ci obbliga a pagare i sacchetti biodegradabili per frutta e verdura (prima me li portavo da casa) sia io che molta gente, a quanto pare, siamo andati su tutte le furie.

Non è tanto per il costo, ma quanto più per una questione di principio.

Sembra che siamo di fronte alla solita mafia all’italiana: ci obbligano senza se e senza ma a dover pagare di più senza motivi validi?

Perché non li fanno pagare ai supermercati?

Comunque, sto sentendo di molta gente che dice di poter aggirare questa fastidiosa “novità” applicando direttamente gli scontrini sopra ogni alimento che si va ad acquistare.

E’ possibile? Funziona davvero?

Come da lei accennato, a partire dal 1 gennaio 2018 i sacchetti biodegradabili che al supermercato usiamo per frutta e verdura sono obbligatoriamente tutti in plastica biodegradabile e compostabile, ma solo usa e getta e sempre a pagamento.

Per gli alimenti sfusi, infatti, le buste riutilizzabili sono state bandite.

Come sempre, a mettere nero su bianco il divieto è stata lettera con cui il ministero dell’Ambiente ha risposto ai dubbi della grande distribuzione.

Dunque, questa pratica rappresenta l’ennesimo balzello a carico dei consumatori, nonostante in Europa ci siano supermercati in cui i sacchi riutilizzabili sono ammessi e incentivati anche per frutta e verdura.

Comunque, quello che ha fatto scattare la rabbia di molti consumatori, come lei, riguarda il costo aggiuntivo di questi sacchetti.

Infatti, l’onere può variare dai 2 fino ai 10 centesimi, e il prezzo deve essere esposto sia vicino alla merce da imbustare, sia indicato sullo scontrino fiscale.

Chi utilizza sacchetti non idonei può incorrere in una sanzione che va dai 2500 ai 25000 euro.

Sembra che il prezzo medio annuo per famiglia sarà di ulteriori 50 euro: bella beffa.

Partita la nuova norma, però, da qualche giorno sui social spuntano ovunque testimonianze fotografiche di consumatori che stanno mettendo in atto la strategia da lei indicata, ovvero pesare singolarmente ogni alimento, e applicare l’etichetta con il prezzo direttamente su di esso.

Purtroppo, però, per comodità e semplicità i sacchetti vengono addebitati al cliente direttamente alla cassa, tramite la lettura del codice a barre sull’adesivo con il prezzo.

Quindi non soltanto chi ha pensato di boicottare i sacchetti biodegradabili ha perso del tempo prezioso, ma presentando più adesivi con codici a barre ha anche pagato più sacchetti di quanti effettivamente necessitava, senza usufruirne.

Che grande paese l’Italia, eh?

3 Gennaio 2018 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sacchetti biodegradabili frutta e verdura - Portarseli da casa? Ecco il parere del Consiglio di Stato
In merito alla questione, che ha fatto molto scalpore, dei sacchetti biodegradabili per la spesa a pagamento, ho sentito dire che c'è stato un cambio di rotta: alcuni miei conoscenti mi hanno detto che è possibile, adesso, portarseli da casa. E' vero o si tratta di un'altra bufala? ...

Spesa al supermercato - Non si possono più utilizzare i sacchetti portati da casa?
Sono una casalinga di 59 anni che provvede a fare la spesa per la mia numerosa famiglia una volta (e più) a settimana: siamo un nucleo di dieci persone. Una mia amica che lavora in un supermercato mi ha raccontato che tra poco tempo non si potranno più utilizzare i sacchetti della spese portati da casa, ma che si potranno esclusivamente comprare in loco. Calcolando l'incidenza di 5/10 centesimi a busta, per ogni spesa, all'anno è un balzello non da poco per le famiglie in difficoltà economica. Inoltre, non rappresenta uno spreco? Le buste del supermercato sono usa e getta. ...

Reddito di cittadinanza - Importo di sostegno all'affitto utilizzato per fare la spesa e Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID)
Siamo una coppia di coniugi, io lavoratore dipendente con contratto a tempo determinato e mia moglie disoccupata: ai primi di maggio facemmo richiesta di reddito di cittadinanza a mio nome e, in data 21 giugno 2019, abbiamo ricevuto la card con un importo di 219 euro come sostegno all'affitto cosiddetto "Importo annuo quota B contributo affitto". Tuttavia l'importo accreditato era prelevabile al bancomat e lo abbiamo utilizzato per pagare la spesa al supermercato. Le mie domande sono: 1) I soldi ricevuti questo mese di giugno li abbiamo utilizzati per fare la spesa,e non per pagare l'affitto,(in quanto già pagato precedentemente). ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Sacchetti biodegradabili a pagamento per la spesa – Come fare per aggirare questa odiosa legge?