Sacchetti biodegradabili frutta e verdura - Portarseli da casa? Ecco il parere del Consiglio di Stato

In merito alla questione, che ha fatto molto scalpore, dei sacchetti biodegradabili per la spesa a pagamento, ho sentito dire che c'è stato un cambio di rotta: alcuni miei conoscenti mi hanno detto che è possibile, adesso, portarseli da casa.

E' vero o si tratta di un'altra bufala?

Sì, i sacchetti biodegradabili per la frutta e la verdura si potranno anche portare da casa: è arrivata, infatti, la tanto attesa sentenza del Consiglio di Stato in merito alla questione, che ha fatto molto rumore, dei sacchetti biodegradabili a pagamento di frutta e verdura per la spesa, che aveva fatto indignare milioni di consumatori.

Infatti, con il parere del CdS 859 del 29 marzo 2018, viene concessa al consumatore la facoltà di portare al supermercato i sacchetti biodegradabili usati, ma comunque puliti, tenuti in casa e/o acquistati altrove.

Il principio fissato dal Consiglio di Stato è semplice: proprio per il fatto di essere ecologiche, le buste compostabili hanno un valore economico in sé, quindi non possono essere sottratte alla logica del mercato.

In virtù di questo, perché vietare ai consumatori di comprare i sacchetti da qualsiasi altra parte e portarli in negozio per riempirli con la merce che comprano?

Pertanto, con il parere appena emesso si va a modificare quanto disposto dall'articolo 226 - ter del dlgs 152/2006 e, di conseguenza, l'obbligo imposto dall'articolo 9 bis del decreto legge 91/2017, cosiddetto Decreto Mezzogiorno.

Con questa modifica, dunque, anche se i sacchetti biodegradabili per frutta e verdura si continueranno a pagare, gli esercenti saranno comunque obbligati a consentire l'utilizzo dei sacchetti portati da casa direttamente dai consumatori.

Come anche, eventualmente, altri tipi di contenitori non di plastica.

E, ovviamente, a tale disposizione dovranno attenersi non solo i supermercati della grande distribuzione, ma anche i piccoli esercizi commerciali a conduzione familiare.

Una piccola vittoria.

4 aprile 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore
tutela consumatore - sacchetti biodegradabili spesa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo - cambio o sostituzione
Cosa è il cambio o sostituzione del mutuo Il cambio del mutuo è la possibilità che il mutuatario esercita al fine di usufruire di condizioni finanziarie più favorevoli ed eventualmente di ottenere anche liquidità per soddisfare sopraggiunte necessità finanziarie. In questo caso è possibile estinguere il vecchio mutuo per accenderne ...
Agevolazioni prima casa » L'inquilino che non se ne va non giustifica la mancata residenza
In merito alle agevolazioni prima casa, in caso di mancato rilascio del conduttore dell'immobile, i benefici per il nuovo padrone di casa decadono se non ha effettuato il cambio di residenza. Si può accedere alle agevolazioni prima casa solo con il cambio di residenza anche se l'immobile non viene rilasciato ...
Mutuo e acquisto casa » Qualche consiglio per scegliere più accuratamente il tipo di finanziamento adatto alle vostre esigenze
Per quanto riguarda l'acquisto della prima casa tramite un mutuo, siamo lieti di fornirvi qualche consiglio per scegliere più accuratamente il tipo di finanziamento adatto alle vostre esigenze. Quando arriva il momento di acquistare un immobile, si ricorre, quasi sicuramente, al mutuo ipotecario. Di solito questo tipo di finanziamento copre ...
Maggiorazione semestrale di un decimo applicata a sanzioni amministrative - Legittima per il Consiglio di Stato
L'art. 27, comma 6, della legge n. 689/1981 prevede che in caso di ritardo nel pagamento la somma dovuta è maggiorata di un decimo per ogni semestre a decorrere da quello in cui la sanzione è divenuta esigibile e fino a quello in cui il ruolo è trasmesso all'esattore. La ...
Benefici prima casa quando l'immobile è in costruzione all'atto dell'acquisto
L'agevolazione per l'acquisto della prima casa è subordinata all'acquisto di un'unità immobiliare da destinare a propria abitazione, e postula che l'acquirente abbia la residenza anagrafica (o presti attività lavorativa) nel comune in cui è ubicato l'immobile oppure che si impegni, all'atto d'acquisto, a stabilirla in detto comune entro il termine ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca