Azione revocatoria di un atto in base al quale mi era stato concesso il diritto di abitazione in un immobile

In quanto debitore, sono stato citato in revocatoria per un immobile da me donato al coniuge e sul quale ho trattenuto per me il diritto di abitazione.

Vorrei gentilmente sapere se il creditore dovesse vincere la revocatoria e l’immobile tornando nella sfera del debitore gli si potrebbe opporre il diritto di abitazione impignorabile e impedire quindi il pignoramento?

Il diritto di abitazione le è stato concesso dal proprietario donatario (cioè sua moglie) oppure è stato incluso come condizione nell’atto di donazione: con l’accoglimento dell’azione revocatoria, l’atto di donazione risulta inefficace nei confronti del creditore procedente. Ergo, se è inefficace la donazione, risultano inefficaci, sempre nei confronti del creditore procedente, tutti gli atti conseguenti e/o correlati alla donazione, compreso il diritto di abitazione conseguito.

Potrà eventualmente opporre ad un terzo, diverso dal creditore che ha visto accolta la propria istanza di revoca dell’atto dispositivo del debitore (la donazione al coniuge dell’immobile), il suo diritto di abitazione. Ma non può opporre tale diritto al creditore per il quale la donazione è stata dichiarata inefficace.

18 Gennaio 2019 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Diritto di abitazione impignorabile ma l'atto di acquisto dell'immobile è soggetto a revocatoria?
Dovrei acquistare casa con atto che riserva a me il diritto di abitazione e la nuda proprietà a mia moglie, avendo solo io (e non mia moglie) una fideiussione a favore di mio fratello (insolvente con la banca) e dalla medesima esigibile nei miei confronti; chiedo: dato per certo che l'immobile così gravato è impignorabile, ma l'atto è eventualmente soggetto ad azione revocatoria da parte della banca? ...

Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia del debitore a promuovere nei confronti dei coeredi ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di soddisfarsi sui beni che, in caso di esito positivo di una eventuale azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, entrerebbero a far parte del suo patrimonio. La domanda che ci si pone è se possa essere oggetto di revocatoria, da parte del creditore, la ...

Azione revocatoria atto di compravendita immobile
Sono in procinto di stipulare un rogito dopo aver fatto e registrato un regolare contratto di compravendita. Vengo a conoscenza che il venditore dell'immobile ha perso una causa e quindi si aspetta da un momento all'altro che il creditore faccia applicare un'ipoteca sul suo immobile. Il venditore mi chiede se posso anticipare la data del rogito proprio per non incorrere nella impossibilità di poter vendere più l'immobile. Leggo in questo sito che la revoca del contratto è possibile ma è esclusa qualora l'immobile è destinato come prima casa per se o per parenti fino al terzo grado e che lo ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Azione revocatoria di un atto in base al quale mi era stato concesso il diritto di abitazione in un immobile