Pensione di reversibilità spettante direttamente al figlio inabile

Argomenti correlati:

Il mio ex marito è inabile al lavoro e senza reddito: alla morte del padre pensionato nel 2016 solo la madre ha fatto domanda per ottenere la reversibilità escludendo il figlio da tale diritto. Il 22 aprile 2020 è morta anche la signora e, il mio ex marito, malato mentale e in gravi difficoltà economiche si è finalmente convinto a fare domanda.

Che cosa succede per tutto quello che gli spettava già di diritto anni fa di pensione reversibilità e da cui è stato tirato fuori volontariamente dalla sua famiglia che ha approfittato delle sue labili condizioni mentali?

Al coniuge superstite senza figli, spetta il 60% della pensione del defunto: il trattamento di reversibilità sale all’80% in presenza di un figlio, al 100% in presenza di due o più figli.

I figli, se maggiorenni devono essere a carico del defunto al momento del decesso: inoltre devono rivestire la qualità di studenti (universitari, se con età non superiore a 26 anni o frequentanti altri cosi scolastici con età non superiore a 21 anni), oppure devono essere inabili al lavoro (indipendentemente dall’età).

I figli maggiorenni aventi diritto come sopra classificati, possono richiedere quota della pensione di reversibilità da soli (direttamente) o assieme al coniuge superstite.

Ad esempio, in presenza di un coniuge superstite, un figlio minorenne ed un figlio maggiorenne (a carico del defunto al momento del decesso nonché inabile al lavoro), toccherà l’80% della pensione al coniuge superstite ed il 20% al figlio inabile.

In presenza di un coniuge superstite, due figli minorenni ed un figlio maggiorenne (a carico del defunto al momento del decesso e inabile al lavoro), al coniuge superstite toccherà il 60% della pensione + 4/15 (quota spettante complessivamente ai due minorenni). Al figlio maggiorenne inabile due quindicesimi della pensione, e così via.

Nel caso in esame, in presenza di un coniuge superstite e di un figlio maggiorenne, il 60% va al coniuge superstite ed il 20% sarebbe spettato al figlio maggiorenne inabile. Tuttavia, la domanda è stata presentata dal coniuge superstite insieme al figlio inabile, probabilmente apponendo la firma in sua vece, in qualità di amministratore di sostegno (se la madre sia amministratore di sostegno del figlio inabile, chi ci scrive tace completamente).

Nessuna responsabilità può essere imputata, in tale ipotesi, all’INPS per i ratei di pensione di reversibilità (20% della pensione del defunto) percepiti dalla madre, anziché direttamente dal figlio, fino a tutto aprile 2020. Al limite, il figlio inabile (o il nuovo amministratore di sostegno) potrebbe avviare un’azione legale di riduzione dell’eredità spettante agli eventuali coeredi per vedersi riconosciuta la quota per lui percepita dalla madre: ma si tratterebbe, comunque, di una opzione economicamente non efficace per tempi di sentenza e costi di assistenza tecnico legale in un quadro estremamente complicato.

11 Ottobre 2020 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reversibilità della pensione di invalidità al figlio maggiorenne - Solo se riconosciuto inabile al lavoro
In caso di morte del titolare di pensione di invalidità, la pensione di reversibilità spetta al coniuge e ai figli minorenni, mentre ai figli superstiti maggiorenni spetta soltanto se essi siano riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di quest'ultimo. L'inabilità al lavoro rappresenta, pertanto, un presupposto del diritto alla pensione di reversibilità del figlio maggiorenne e, quindi, un elemento costitutivo dell'azione diretta ad ottenerne il riconoscimento, con la conseguenza che la sussistenza di esso deve essere accertata anche d'ufficio dal giudice (tanto che a nulla rileva che l'istituto previdenziale non abbia tempestivamente eccepito ...

Requisiti per il riconoscimento della pensione di reversibilità al figlio inabile del defunto
In caso di morte del pensionato, il figlio superstite ha diritto alla pensione di reversibilità, ove maggiorenne, se riconosciuto inabile al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di questi. Se il requisito dell'essere a carico del genitore defunto (vivenza a carico) non si identifica indissolubilmente con lo stato di convivenza né con una situazione di totale soggezione finanziaria del soggetto inabile, la questione va considerata con particolare rigore, essendo necessario dimostrare che il genitore provvedeva in via continuativa e in misura quanto meno prevalente al mantenimento del figlio inabile. La "vivenza a carico" è provata quando ...

Prescrizione dei ratei arretrati della pensione di reversibilità spettante ai superstiti del pensionato
A mio fratello inabile dal 1980 è stata riconosciuta la pensione di reversibilità (con domanda presentata in data 8 maggio 2017) di mio padre morto nel 2004 pensionato INPDAP. Suddetta domanda è stata presentata, per informazioni sbagliate ricevute dall'inps di zona, con 13 anni di ritardo. Vorrei capire il perchè non gli siano stati riconosciuti gli arretrati, e se ne ha diritto come dobbiamo comportarci. Faccio presente che dal 2004 al 2011 la reversibilità è stata percepita da mia madre, deceduta nel gennaio 2011. ...

Dove mi trovo?