Reddito di cittadinanza per soggetto ultra ventiseienne convivente con un amico a Roma e iscritto all’Università di Venezia

Ho 27 anni e sono uno studente: abito , da un anno circa, in un appartamento con il mio migliore amico, che è un lavoratore. L’appartamento in cui abito è lo stesso in cui ho la residenza, ma si trova in una città diversa (Roma) da quella in cui frequento l’università (Venezia) .

Per il momento vivo grazie all’’aiuto economico del mio amico e con ciò che ricavo da qualche lavoretto occasionale.

Posso chiedere il reddito di cittadinanza? Devo dimostrare il reddito del mio amico oppure il mio (non ho reddito)? Eventualmente quale dovrebbe essere il reddito del mio amico perché la richiesta vada a buon fine? Grazie

Al momento lei è, indipendentemente dallo status di studente presso l’università di Venezia, un cittadino italiano sprovvisto di reddito da lavoro e, in base alla residenza attuale, non convivente con il nucleo familiare di origine.

Avendo un’età di 27 anni il nucleo familiare di riferimento per la DSU/ISEE standard da collegare alla domanda di reddito di cittadinanza, non comprenderà i suoi genitori. Per inciso, invece, il nucleo familiare di riferimento per i benefici connessi alla frequenza dei corsi universitari a Venezia (ISEEU o ISEE per l’Università) resterà quello dei suoi genitori.

Se lo stato di famiglia, risultante dall’anagrafe della popolazione residente a Roma, include anche il suo amico convivente, l’ISEE, ai fini del requisiti di legge per accedere al reddito di cittadinanza, terrà conto anche dei redditi percepiti e dei patrimoni detenuti dal suo convivente. Ricordiamo sempre che il reddito di cittadinanza è un beneficio attribuito al nucleo familiare e non alla singola persona.

Avrebbe potuto aggirare il problema in sede di trasferimento di residenza a Roma, dichiarando, insieme al suo amico, che fra di voi non esistono vincoli di parentela o di affetto. In questo modo l’ufficiale d’anagrafe avrebbe costituito due famiglie anagrafiche distinte, ciascuna formata da un unico componente, con positivi riflessi, ai fini del beneficio di reddito di cittadinanza a cui lei intenderebbe accedere (una volta costituita in anagrafe una sola famiglia anagrafica composta dai due conviventi è quasi impossibile tornare indietro: bisognerebbe cambiare residenza di nuovo e poi effettuare un nuovo trasferimento presso il suo amico di Roma).

Pertanto, approfondisca la composizione della famiglia anagrafica ed, eventualmente, la situazione economico patrimoniale dell’amico che la ospita, prima di presentare richiesta di ISEE finalizzata ad ottenere il reddito di cittadinanza.

20 Settembre 2020 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Che conseguenze potrei avere se andassi a vivere da solo in affitto e chiedessi il reddito di cittadinanza?
Ho 37 anni e vivo con mia madre che percepisce una pensione che fa si che io non abbia diritto al reddito di cittadinanza: nell'ultimo periodo ho trovato un lavoretto con contratto di collaborazione che mi permetterebbe di poter andare in affitto. Se facessi ciò uscirei dal nucleo familiare e potrei ambire a prendere il reddito di cittadinanza? Agli occhi del fisco avrei problemi nel giustificare l'affitto dell'appartamento? Rischio la galera facendo una cosa del genere? ...

Reddito di cittadinanza - Nucleo familiare di madre coniugata con marito non convivente
In merito ai nuovi requisiti per il reddito di cittadinanza, un genitore single che vive con il figlio insieme ai nonni, che non ha mai avuto la separazione legale, ma che comunque prende un piccolo mantenimento stabilito in concordato con tanto di ricevute e firme, come deve comportarsi? Eventualmente si può escludere il minore dal nucleo per permettere ai nonni e alla madre di ottenere il reddito di cittadinanza con isee ordinario senza isee minorenni? ...

Modifica DSU e reddito di cittadinanza - Caso di nucleo familiare di madre convivente con i minori il cui padre naturale non convivente ha anche figli con altra donna
Sono una madre nubile, disoccupata, e vivo sola con i miei tre figli minorenni in un appartamento in comodato d'uso gratuito: Luigi, padre dei bambini, contribuisce al loro sostentamento in base a nostri accordi privati. Ho presentato domanda di reddito di cittadinanza e mi è stata rigettata in quanto i redditi miei e dei figli sono stati sommati a quelli di Luigi, come se fossimo un unico nucleo, risultando così sopra soglia. Luigi ha però anche un altro figlio minore che vive con l'ex moglie e per entrambi ha versato mensilmente assegni di mantenimento, nel 2017, così come stabilito da ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Reddito di cittadinanza per soggetto ultra ventiseienne convivente con un amico a Roma e iscritto all’Università di Venezia