Reddito di cittadinanza » Ex coniugi divorziati o coniugi separati conviventi

Io e mio marito abbiamo divorziato, ma per problemi finanziari conviviamo ed abitiamo sotto lo stesso tetto, con famiglie anagrafiche diverse.

Ai fini del reddito di cittadinanza formiamo due nuclei familiari distinti?

Il decreto legge sul reddito di cittadinanza ha modificato alcune regole di composizione del nucleo familiare previste dall’articolo 3 del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPCM) 159/2013: in particolare, i coniugi permangono nel medesimo nucleo familiare anche a seguito di separazione o divorzio, qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione.

21 Gennaio 2019 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reddito di cittadinanza - Non ne hanno diritto divorziati e separati che acquistarono casa (anche in comproprietà) e poi ne furono cacciati via, anche se adesso non percepiscono un centesimo » Più poveri di così, si muore ...
Ho chiesto il reddito di cittadinanza, ma mi è stato negato: sono disoccupata, non percepisco alcun reddito, vengo ospitata da un'amica, altrimenti dormirei sotto i ponti. Ho solo la colpa di possedere metà della casa in cui abitavo, che con la separazione è stata affidata dal giudice a mio marito, affidatario dei figli, ed il cui valore IMU supera di mille euro la soglia massima dei trentamila prevista dal decreto legge 4/2019. E' possibile che nessuno si accorga di questa evidente iniquità a danno di separati e divorziati proprietari di immobili che non possono abitare comunque l'immobile a seguito di ...

Reddito di cittadinanza, assegno sociale e redditi virtuali da fabbricato: il problema di separati e divorziati colpevoli di essere proprietari dell'immobile assegnato dal giudice all'altro coniuge
Sono separato da mia moglie e proprietario del 50% della casa assegnata in sede di separazione al coniuge affidatario dei miei 3 figli. I figli, ormai maggiorenni ma economicamente non autosufficienti, risiedono ancora in quella che fu la casa familiare. Non percepisco redditi da lavoro e vivo come ospite presso un amico non potendo permettermi di poter pagare un affitto. Ho da poco compiuto 67 anni e ho scoperto, con grave disappunto, di non poter accedere all'assegno sociale in virtù del reddito da fabbricato che viene virtualmente generato dalla proprietà del 50% di una casa di cui non posso disporre ...

Quando coniugi separati o divorziati e coppie conviventi non coniugate che hanno la medesima residenza possono appartenere a famiglie anagrafiche diverse o, il che è lo stesso, possono essere inclusi in due diversi stati di famiglia
Due soggetti che vivono nella medesima unità abitativa sono conviventi (o coabitanti, che dir si voglia) ed hanno la medesima residenza: due soggetti conviventi nella medesima unità abitativa, e dunque aventi la stessa residenza, possono appartenere alla stessa famiglia anagrafica o a famiglie anagrafiche diverse, a seconda, rispettivamente, che siano inclusi nello stesso stato di famiglia anagrafico o in stati di famiglia anagrafici differenti. Secondo l'articolo 4 del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 223/1989, agli effetti anagrafici per famiglia si intende un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, unione civile, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli ...

Dove mi trovo?