Reddito di cittadinanza – Non ne hanno diritto divorziati e separati che acquistarono casa (anche in comproprietà) e poi ne furono cacciati via, anche se adesso non percepiscono un centesimo » Più poveri di così, si muore …

Ho chiesto il reddito di cittadinanza, ma mi è stato negato: sono disoccupata, non percepisco alcun reddito, vengo ospitata da un’amica, altrimenti dormirei sotto i ponti. Ho solo la colpa di possedere metà della casa in cui abitavo, che con la separazione è stata affidata dal giudice a mio marito, affidatario dei figli, ed il cui valore IMU supera di mille euro la soglia massima dei trentamila prevista dal decreto legge 4/2019.

E’ possibile che nessuno si accorga di questa evidente iniquità a danno di separati e divorziati proprietari di immobili che non possono abitare comunque l’immobile a seguito di un provvedimento giudiziale?

Non ci si poteva aspettare altro se si lascia scrivere un provvedimento di legge ad un ex bibitaro, ed alla sua cricca di parvenu semianalfabeti, che millantava, affacciato ad un balcone di Roma, di aver abolito la povertà: si tratta di incompetenti che nulla conoscono della vita reale.

Per cui, alla fine, può capitare benissimo che gente veramente povera non abbia diritto ad un cent, mentre malfattori, delinquenti e milionari con Ferrari ed immobili (intestati a prestanome) vengano beccati a percepire tranquillamente il reddito di cittadinanza, grazie alle numerose crepe di cui è inzeppato il decreto legge.

Il quale decreto legge prevede, infatti, che la quota di valore dell’immobile posseduto dal richiedente reddito di cittadinanza debba essere valutato ai fini IMU e non debba superare i trentamila euro con una franchigia di 52 mila euro prevista se nella casa il proprietario richiedente RDC vi risiede.

Ma, purtroppo, analoga franchigia non è prevista qualora il richiedente Reddito di Cittadinanza e proprietario dell’immobile, separato o divorziato, disoccupato e ancora troppo giovane per poter fruire dell’assegno sociale, nell’immobile non vi possa (pur volendo) risiedere in seguito ad un provvedimento giudiziale di assegnazione all’ex coniuge della casa familiare.

23 Gennaio 2020 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Valutazione patrimonio immobiliare dopo trasferimento della residenza da una casa di proprietà ad una in affitto e revoca del diritto a percepire il reddito di cittadinanza
La legge istitutiva del reddito di cittadinanza dice che il valore del patrimonio immobiliare deve essere definito come ai fini ISEE: mi hanno revocato il reddito di cittadinanza perché mi sono trasferita in una casa in affitto mentre prima ero in un immobile di mia proprietà al 50%. In detto immobile ora è andato ad abitare il mio ex-marito e per me il 50% è diventato non abitazione principale. Faccio presente che su detto immobile grava un mutuo che supera il suo valore rivalutato come ai fini IMU. La mia domanda è questa: perché il valore del mio patrimonio immobiliare ...

Reddito di cittadinanza, assegno sociale e redditi virtuali da fabbricato: il problema di separati e divorziati colpevoli di essere proprietari dell'immobile assegnato dal giudice all'altro coniuge
Sono separato da mia moglie e proprietario del 50% della casa assegnata in sede di separazione al coniuge affidatario dei miei 3 figli. I figli, ormai maggiorenni ma economicamente non autosufficienti, risiedono ancora in quella che fu la casa familiare. Non percepisco redditi da lavoro e vivo come ospite presso un amico non potendo permettermi di poter pagare un affitto. Ho da poco compiuto 67 anni e ho scoperto, con grave disappunto, di non poter accedere all'assegno sociale in virtù del reddito da fabbricato che viene virtualmente generato dalla proprietà del 50% di una casa di cui non posso disporre ...

Reddito di cittadinanza e possesso di un appartamento in comproprietà
Sono disoccupato ma comproprietario, insieme a mia moglie legalmente separata, di un appartamento che il giudice ha assegnato a lei in quanto affidataria dei figli. Il valore IMU del fabbricato è di 58 mila euro e, quindi, supera i 30 mila euro ai fini IMU. E' giusto che io non possa accedere al reddito di cittadinanza per il possesso del 50% di un immobile di cui non usufruisco in alcun modo? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Reddito di cittadinanza – Non ne hanno diritto divorziati e separati che acquistarono casa (anche in comproprietà) e poi ne furono cacciati via, anche se adesso non percepiscono un centesimo » Più poveri di così, si muore …