Recupero crediti da parte di FASTWEB - Pagare anche se non mi hanno inviato alcuna documentazione?

Volevo sapere se devo pagare FASTWEB per bollette insolute del 2013/2014: mi hanno chiamato dal recupero crediti Per pagare queste bollette e in tutto si tratta di 218 euro. Mi conviene pagare? Non mi hanno mandato niente di scritto tramite email o raccomandata. FASTWEB può fare dei pignoramenti alla persona debitrice?

Lei cade, come si dice, a fagiuolo: a FASTWEB chiesi un trasloco di utenza a luglio dello scorso anno e non solo ad oggi mi ritrovo senza linea ADSL, ma addirittura FASTWEB si è indebitamente appropriata di oltre 200 euro, addebitandomi fatture per servizi mai erogati, prima che disponessi la revoca del RID (che tontolone a non averlo fatto prima). Da circa un anno li richiedo indietro, quei soldi, con reclami e minacce di adire vie legali, ma ancora me li hanno restituiti e nemmeno si degnano di rispondere alle mie legittime istanze.

Ed allora facciamo così: se proprio decide di pagare mi faccia un fischio. I primi duecento euri li consegna a me (naturalmente le rilascio regolare ricevuta) così mi offre la possibilità di compensare un credito che vedrò rimborsato (forse) solo a babbo morto, dopo tribolazioni immani e decine di euro spese in raccomandate per (inutili) reclami. Gli altri 18 euro li consegna a FASTWEB, insieme alla copia delle mia ricevuta per compensazione.

Per rispondere, invece, alla sua richiesta di informazioni, le faccio sapere che, molto probabilmente, il credito che FASTWEB vantava nei suoi confronti è stato acquistato dalla società di recupero crediti che la contatta a, mettiamo (ma è grasso che cola) un euro. A meno che l'attività di recupero crediti non sia stata affidata in gestione.

Certo, il creditore cessionario potrebbe rivolgersi al giudice per chiedere un decreto ingiuntivo (ma bisogna anticipare le spese legali) e procedere ad un eventuale pignoramento dei beni della debitrice (ma prima dovrebbe tirar fuori altri quattrini per fare un'indagine patrimoniale finalizzata ad individuare i beni della potenziale escussa).

Questi signori non spendono neanche per una raccomandata di messa in mora del debitore, figuriamoci se anticipano più dell'importo che devono recuperare per avviare un'azione esecutiva.

8 novembre 2017 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fatture energia elettrica e gas: arrivano i cacciatori di bollette » Eni, Enel, Edison e Sorgenia si affidano a società di recupero crediti
Le società erogatrici di energia non riescono più a riscuotere le somme delle fatture inviate ai consumatori, così, entrano in scena i cacciatori di bollette: scopriamo chi sono. Dall'inizio della crisi, ormai circa 10 anni fa, molte famiglie e aziende italiane sono in difficoltà. Chi ha perso il proprio lavoro, ...
Quando il recupero crediti asserisce che non serve esibire un estratto conto cronologico del debito
Avevo scritto pochi giorni per una questione di un finanziamento che ho fatto 3 anni fa con la Santander di 10.000 euro purtroppo da piu di un anno e mezzo che ho perso il mio lavoro tempo indeterminato m sono trovata in difficolta per pagarlo . Adesso la banca inizialmente ...
Debiti e società di recupero crediti – consigli da seguire se si decide di pagare 
Gentile debitore, se proprio ha intenzione di pagare, segua questi consigli: innanzitutto lei deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico ...
Recupero crediti condominiale » Prima la mediazione
Le azioni condominiali di recupero crediti sono assoggettabili al tentativo di conciliazione obbligatoria. Per quanto riguarda le liti condominiali, prima di procedere al recupero crediti, è necessario esperire il tentativo di conciliazione, a pena d'improcedibilità'dell'azione giudiziale. La domanda che più frequentemente ci si pone, però, è quali siano i ...
Recupero crediti – inesigibilità del credito
La procedura di inesigibilità dei crediti è, di solito, articolata nelle seguenti fasi: Accertamento e declaratoria di irrecuperabilità del credito; Abbandono dell'azione di recupero del credito; Eliminazione contabile del credito irrecuperabile dal bilancio. Ripresa in carico di partite creditorie eliminate ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca