Reddito di cittadinanza e isee minori

Genitore non convivente non coniugato presente da sempre nell’isee: da marzo a gennaio ho percepito il reddito di cittadinanza, oggi la domanda è decaduta.

Paragonando gli esiti ho visto che compare il nome del genitore non convivente non coniugato. Anche nel precedente isee era presente, se l’inps ha sbagliato nei mesi precedenti a erogarmi il sussidio sono in torto? Io ovviamente ho l’isee precedente dove è dichiarato anche lui con tanto di isee minori (probabilmente sopra soglia).

L’articolo 2, comma 1, lettera b, punto 1 del decreto legge 4/2019, stabilisce, fra l’altro, che nel caso di nuclei familiari con minorenni, l’ISEE e’ calcolato ai sensi dell’articolo 7 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) 159/2013: in pratica, secondo i criteri di accesso delle prestazioni agevolate rivolte a minorenni.

Dunque, nella fattispecie, il nucleo familiare di riferimento, comprensivo di padre, madre e figlio minore, sarebbe stato quello corretto se, e solo se, il reddito di cittadinanza fosse stato chiesto dalla madre (solo nel nucleo familiare della madre è presente un minore, non in quello del padre).

Pertanto, se il padre non convive con il minore e con la madre di quest’ultimo, il nucleo familiare del padre è formato solo da lui stesso: ora, se la madre è priva di reddito, l’inclusione (illegittima) di madre e figlio, nel nucleo familiare di riferimento del padre nella DSU/ISEE, per la richiesta di Reddito di cittadinanza, può aver comportato un sensibile abbattimento dell’effettivo reddito del nucleo familiare del padre, riconducibile all’applicazione del fattore di scala che, come sappiamo, è direttamente correlato al numero di componenti il nucleo familiare.

Può esser questo, in assenza di altri elementi forniti nel quesito, il motivo per il quale è stato revocato il reddito di cittadinanza al padre, presumibilmente in seguito a verifica effettuata, da parte INPS, negli archivi anagrafici della popolazione residente.

Da non dimenticare che la DSU è una dichiarazione di parte, resa sotto la responsabilità del dichiarante, il quale può inserire nel proprio nucleo familiare qualsiasi componente, referenziandone il codice fiscale: l’INPS, a posteriori, consultando i registri anagrafici, può individuare eventuali dichiarazioni mendaci.

27 Febbraio 2020 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

DSU/ISEE minorenni per reddito di cittadinanza - Ho presentato domanda prima del 30 marzo 2019 ma dopo sei mesi l'INPS tiene ancora conto della DSU/ISEE standard
Passati i sei mesi previsti dal decreto legge del reddito di cittadinanza, come regola, in caso di single con figli minori e padre non coniugato non convivente, l'INPS doveva tenere in considerazione l'ISEE minorenni. Nel mio caso, anche questo mese, l'INPS ha tenuto in considerazione l'ISEE ordinario non facendo decadere la mia domanda. Nel caso in cui tenessero in considerazione l'ISEE minorenni, sono sicurissima di non avere i requisiti per via del reddito del padre. Come mai questa situazione? ...

DSU ISEE per reddito di cittadinanza richiesto da soggetto single (non coniugato) con figli minori
Per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, nel caso in cui sia stato compilato l'isee minorenni poiché ci sono genitori non coniugati con diversa residenza, l'inps tiene conto nell'isee ordinario e nell'isee minorenni? ...

Reddito di cittadinanza per single dopo la conversione in legge del decreto 4/2019
Ho presentato la domanda del reddito di cittadinanza il 6 marzo, inserendo il genitore non coniugato e non convivente nell'isee minorenni. Adesso che è stata approvata la cosiddetta stretta sui single, siccome che ho presentato la domanda prima di tale approvazione, posso anche io usufruire del RDC per 6 mesi, nonostante il fatto che calcolando anche l'altro genitore non rientro nei requisiti? ...

Dove mi trovo?