Il coerede che ha pagato tutto il debito al creditore del defunto può esperire azione di rivalsa verso gli altri coeredi?

Ho recentemente pagato una cartella esattoriale presso l’Agenzia delle Entrate, in cui era coobbligata anche mia sorella in quanto erede. La Cartella in oggetto riguardava una sanzione non pagata a carico di mio padre, e notificata a noi figli ed eredi dopo la sua morte.

Dal momento che mia sorella non ha pagato la sua parte, in quanto informata che bastava che pagasse l’intera somma anche solo uno degli eredi, volevo sapere se ci sono i presupposti per procedere per vie legali nei confronti di mia sorella per farmi rimborsare la metà della somma da me versata.

I coeredi contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti e pesi ereditari in proporzione delle loro quote ereditarie e pertanto essi non sono debitori solidali (coobbligati).

Va poi aggiunto che, a norma dell’articolo 65 del Dpr 600/1973, le sanzioni comminate in vita al defunto, in quanto personali, non sono trasmissibili agli eredi che, pertanto, devono richiederne lo sgravio all’Amministrazione finanziaria.

19 Novembre 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia del debitore a promuovere nei confronti dei coeredi ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di soddisfarsi sui beni che, in caso di esito positivo di una eventuale azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, entrerebbero a far parte del suo patrimonio. La domanda che ci si pone è se possa essere oggetto di revocatoria, da parte del creditore, la ...

Azione giudiziale per recupero debiti del defunto - l'erede ha l'onere di indicare i coeredi
Gli eredi sono tenuti verso i creditori al pagamento dei debiti del defunto personalmente in proporzione della loro quota ereditaria. Il coerede che ha pagato oltre la parte a lui incombente può chiedere agli altri coeredi soltanto la parte per cui essi devono contribuire (articolo 754 codice civile). La norma deve essere interpretata nel senso che il coerede convenuto per il pagamento di un debito ereditario ha l'onere di indicare al creditore questa sua condizione di coobbligato passivo, entro i limiti della propria quota, indicando i coeredi non raggiunti dall'azione giudiziaria intrapresa dal creditore. In mancanza il creditore può chiedere ...

Ciascun coerede può prelevare la quota di giacenza nel conto corrente del de cuius proporzionale a quella ereditaria » La banca non può opporre il mancato consenso degli altri coeredi.
L'ordinanza 27417/2017 della Corte di cassazione ha stabilito che ciascun coerede può agire nei confronti del debitore del de cuius per la riscossione della quota proporzionale a quella ereditaria vantata, senza la necessità del coinvolgimento degli altri coeredi, e soprattutto senza che venga in alcun modo precisato che l'iniziativa del coerede sia ammessa solo allorquando avvenga nell'interesse della comunione. Ora, atteso che la banca con cui il de cuius intrattiene, al momento della morte, un rapporto di conto corrente, o in conto titoli, è debitrice del defunto, ne discende che ciascun coerede può prelevare la quota di giacenza in conto ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Il coerede che ha pagato tutto il debito al creditore del defunto può esperire azione di rivalsa verso gli altri coeredi?