Prestito ad una collega di lavoro messo nero su bianco con scrittura privata non autenticata


Una mia collega di lavoro mi ha chiesto un prestito che io per amicizia ho dato di 2000 euro dietro firma di un semplice foglio in cui lei nome e cognome dichiarava di aver ricevuto e di restituirmi quella somma fra 2 anni.

Ora mi chiedo se non dovesse restituirmi quella somma posso fare qualche cosa o serviva ad esempio fare una cambiale? grazie della risposta

Sarebbe stato molto meglio concedere alla collega un prestito cambializzato, con l’emissione, cioè, di una cambiale a scadenza sottoscritta dal debitore a garanzia del rimborso.

Nella situazione riportata, qualora la collega decidesse di non adempiere all’obbligazione, sarà necessario innanzitutto che un giudice accerti l’autenticità della firma apposta al foglio. Successivamente il creditore potrà procedere con ricorso per decreto ingiuntivo.

Solo una volta in possesso del decreto ingiuntivo, sarà possibile notificare il precetto ed avviare un’azione esecutiva di riscossione coattiva. Diversamente, con la cambiale non pagata, che costituisce titolo esecutivo, il creditore avrebbe potuto evitare tempo e denaro per la fase processuale finalizzata ad accertare l’autenticità della sottoscrizione della scrittura privata e per la richiesta di decreto ingiuntivo, precettando direttamente il debitore inadempiente.

15 Aprile 2019 · Ludmilla Karadzic



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prestito ad una collega di lavoro messo nero su bianco con scrittura privata non autenticata