Prestazione occasionale tra privati – Come funziona?

Vorrei capire come funziona la prestazione occasionale tra privati: ho 59 anni e tra poco andrò in pensione e se dovessi decidere di iniziare a fare qualche lavoretto di giardinaggio presso delle case private posso evitare di aprire la partita iva? So che non dovrò superare la soglia di 5 mila euro di prestazioni altrimenti dovrei pagare i contributi INPS. Non serve nessun tipo di contratto da stipulare tra le parti? Inoltre quando dovrò presentare la dichiarazione dei redditi che documenti servono? Basta la ricevuta di prestazione del lavoro svolto?

La prestazione di lavoro occasionale è regolata dall’articolo 54 bis del decreto legge 50/2017: si intende per prestazione occasionale una attività lavorative che dà luogo nel corso di un anno civile:

  1. per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro;
  2. per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro (i compensi percepiti da pensionati si computano al 75% per quel che riguarda il rispetto di questo requisito);
  3. per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, a compensi di importo non superiore a 2.500 euro.

I compensi percepiti dal prestatore sono esenti da imposizione fiscale: tuttavia, ai fini dell’attivazione del contratto di prestazione occasionale, ciascun utilizzatore (il committente) deve versare, anche tramite un intermediario, ferma restando la responsabilità dell’utilizzatore, attraverso la piattaforma informatica INPS, le somme utilizzabili per compensare le prestazioni. L’1 per cento degli importi versati è destinato al finanziamento degli oneri gestionali a favore dell’INPS.

20 Febbraio 2019 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dichiarazione dei redditi per soggetto che nell'anno di imposta percepisce due redditi di cui uno riconducibile a prestazione occasionale ad intermittenza
Sono un disoccupato regolarmente iscritto al centro per l'impiego, tuttavia da quest'anno ho cominciato a lavorare come fattorino per avere qualche entrata economica. Attualmente lavoro con due aziende che non citerò e la mia situazione è questa: 1) con un'azienda ho contratto co.co.co. e sono iscritto alla gestione separata INPS. Ho busta paga e i pagamenti con bonifico. 2) con l'altra nessun contratto, zero stipendio dall'azienda e pagamento solo ad ogni consegna fatta dai clienti. Mi viene inviata per mail ricevuta ad ogni consegna con seguente dicitura: "Il sottoscritto dichiara di aver ricevuto la somma di € 4.7 per l'attività ...

Cumulo pensione e lavoro occasionale tra privati
Sono pensionato da settembre 2019, ad ottobre ho fatto dei lavoretti presso l'abitazione di un soggetto privato. Quest'ultimo mi ha rilasciato una ricevuta di 300,00 euro per la prestazione occasionale svolta.Dove indicherò questi 300,00 euro nel 730 dato che non mi verrà rilasciata la CERTIFICAZIONE UNICA? ...

La restituzione della prestazione di mobilità indebitamente percepita - La sospensione della prescrizione per dolo
A mia madre, a seguito della richiesta di pensionamento, è arrivata una lettera dell'Inps che chiede la restituzione della somma ricevuta a rate a titolo di prestazione di mobilità, circa 14 anni fa. In questi anni sono sempre stati pagati tutti i contributi come lavoratrice, quindi l'Inps sapeva esattamente la situazione di occupazione. In ogni caso posso far valere la prescrizione quinquennale per prestazioni previdenziali? O almeno quella decennale, considerato che essendo in regola con i contributi non c'è un occultamento doloso e la prescrizione dovrebbe cominciare a decorrere dall'ultimo versamento? ...

Dove mi trovo?