Quando si hanno troppi debiti conviene non pagare più nessuno e farsi pignorare lo stipendio?

Io ho due debiti uno con la banca intesa, che due anni fa ci siamo messi d'accordo per non farmi pignorare lo stipendio: pago 300 euro al mese e sono circa 15 mesi che sto pagando. Adesso mi arriva un precetto di una società che ha acquistato un mio debito di circa 3 mila euro del 2011, di cui non sono riuscito a completare il pagamento per licenziamento avvenuto nel 2012. Ed oggi mi arriva una comparizione davanti al giudice giorno 12 aprile per pignorarmi lo stipendio. Io non posso pagare due rate. Cosa posso fare? Poi mi possono pignorare due volte lo stipendio se decido di non pagare nessuno dei due?

Lei ha sbagliato a mettersi d'accordo con il primo creditore: voleva salvare lo stipendio dal pignoramento e adesso, come risultato, si troverà pignorato ugualmente la retribuzione con in più sul groppone una rata di 300 euro al mese.

Parafrasando un grande statista del passato, lei poteva scegliere fra il disonore e la guerra, ha scelto il disonore ed ha avuto la guerra! Tradotto, lei poteva scegliere fra l'accordo ed il pignoramento, ha scelto l'accordo ed ha avuto il pignoramento!

E, al giudice, gliene frega niente se lei paga quella rata di 300 euro/mese: tanto, sempre il 20% dello stipendio netto concederà al creditore procedente.

Non vedo, allora, altra soluzione, per poter tirare avanti, che interrompere il rimborso al creditore con cui ha raggiunto l'accordo e fregarsene della cessionaria che le ha notificato il precetto.

Per tutti i crediti della stessa natura (banche, finanziarie e privati in genere) non è ammesso un prelievo superiore al 20% dello stipendio netto percepito dal debitore sottoposto ad azione esecutiva. Quindi, il primo creditore che si rivolge al giudice becca subito, gli altri si mettono in fila e aspettano, sperando che il datore di lavoro non chiuda o licenzi il debitore.

Naturalmente dovrà prestare la massima attenzione nello svuotare il conto corrente dopo ogni accredito dello stipendio, qualora il creditore insoddisfatto decidesse di optare per il pignoramento del conto corrente. Infatti, per liberare lo stipendio accreditato sul conto corrente e pignorato illegittimamente, sarebbe comunque costretto a ricorrere, pagando un avvocato, al giudice delle esecuzioni.

27 marzo 2018 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia e pignoramento presso terzi - limiti di pignorabilità
L'Agente della riscossione (oggi Equitalia) può effettuare il pignoramento di stipendi, pensioni e altre indennità relative al rapporto di lavoro, entro i seguenti limiti: 1/10 per importi fino a 2.500,00 euro; 1/7 per importi da 2.500,00 a 5.000,00 euro; 1/5 per importi superiori a 5.000 euro. Questi limiti sono stabiliti ...
Quando il pignoramento di stipendi e pensioni è effettuato direttamente da Equitalia
Le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in ...
Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la ...
Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...
Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca

Forum

Domande