Pignoramento stipendio - Il giudice confermerà la cifra accantonata dal datore di lavoro?

Con una busta paga di circa 1600 euro una cessione del V in corso di 221 euro e una delega di 174, oggi il datore di lavoro ha accantonato una cifra per il pignoramento pari a 336 euro. Il giudice dell'esecuzione confermerà tale cifra o potrà ridurla visto che è l'unica entrata per la famiglia e abbiamo anche una bambina piccola?

Al giudice dell'esecuzione ci si rivolge con ricorso, per opporsi, ammesso sussistano validi motivi, all'assegnazione della quota stipendiale calcolata per il pignoramento e decretata dal giudice ordinario a favore del creditore procedente.

I criteri per stabilire il prelievo da assegnare al creditore procedente sono fissati per legge ed esulano dalla discrezionalità del giudicante: prevedono, a grandi linee, la sottrazione del 20% dalla retribuzione, al netto degli oneri fiscali e contributivi. Con possibilità di riduzione della quota pignorata se, e solo se, altri pignoramenti concorrenti e pregressi, insieme alla quota ceduta e a quella azionata, superassero la metà dello stipendio netto.

Non sono previste, purtroppo, riduzioni in ragione di particolari situazioni familiari del debitore sottoposto ad azione esecutiva.

15 ottobre 2018 · Annapaola Ferri

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca