Pignoramento presso terzi – Cosa fare in caso di offerta di un acconto del debitore sulla somma precettata

Argomenti correlati:

Sto riscuotendo attraverso il pignoramento presso terzi la cifra di circa 23 mila euro da un privato: il pignorato avrebbe a disposizione circa 10 mila euro e vorrebbe darmeli per accorciare i tempi di restituzione del credito a me dovuto.

Posso accettare questi 10 mila euro per ridurre il debito? Se si come devo muovermi? Ci tengo a precisare che non ci sarà né un saldo a stralcio ne la chiusura del debito.

E’ consigliabile come operazione o rischio poi di creare problemi che mi possono bloccare l’esecuzione del pignoramento?

Se l’azione esecutiva è già stata avviata, per non complicare la procedura e rischiare una dilazione indefinita dei tempi di pignoramento, le conviene attendere il perfezionamento dell’iter.

Altrimenti, il creditore deve rinunciare agli atti, ex articolo 629 del codice di procedura civile, accettare la somma offerta dal debitore e procedere con un nuovo precetto per ottenere il dovuto al netto di quanto anticipato. Il creditore che abbia rinunciato agli atti, infatti, può ugualmente avvalersi del medesimo titolo per promuovere un’altra azione esecutiva.

Tuttavia, secondo l’interpretazione di alcuni tribunali, l’estinzione del processo esecutivo obbliga il creditore procedente a procurarsi un nuovo titolo esecutivo. Dunque, è bene consultare un avvocato per capire se e come muoversi e valutare l’aggravio eventuale di spese per avviare una nuova azione esecutiva.

In alternativa, per venire incontro alle esigenze del debitore e contemperare l’interesse del creditore ad abbreviare i tempi di rimborso, una volta che il pignoramento verso terzi abbia prodotto l’abbattimento dell’importo assegnato, tale da residuare una somma pari ai diecimila euro oggi offerti, il creditore potrà pensare ad accettare la somma ed estinguere l’azione esecutiva.

22 Novembre 2019 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento presso terzi e citazione del debitore - Cosa accade se non mi presento in udienza?
Dovrei presentarmi in tribunale per il pignoramento dello stipendio essendo debitore, però in quel giorno ho una visita medica vorrei sapere come devo comportarmi. ...

Pignoramento presso terzi - Come si procede se cambia il datore di lavoro del debitore sottoposto ad azione esecutiva di pignoramento dello stipendio?
Il problema: lavorando in luogo soggetto a gara d'appalto, c'è la concreta possibilità di cambiare datore di lavoro ogni due anni e la relativa conseguenza ogni qual volta di dover far fronte a una nuova azione di pignoramento dello stipendio con relative spese. Infatti, ho un debito verso l'Aler che un anno fa ammontava a 13 mila euro e che ora, dopo due cause e relative spese legali ammonta a quasi 20 mila euro. Ad oggi si sono presi 3 mila euro di liquidazione e stanno già provvedendo a pignorare il quinto dello stipendio. Per chiudere la questione ho proposto ...

Atto di pignoramento della mia casa per un debito non pagato - Cosa posso fare?
Possiedo una casa di valore più o meno 100 mila euro, su cui grava un mutuo residuo non ancora finito di pagare di 20 mila euro, con rate regolari e tutte pagate fino ad ora. Il problema è con un finanziamento che presi con la banca di credito cooperativa di 9800 euro nel 2010 che purtroppo per problemi economici non ho potuto pagare ed ora con spese annesse è arrivato a 16 mila euro con atto di pignoramento della casa. Cosa possono fare questi signori? portarmi via casa per un debito di 16 mila euro? Cosa posso fare io? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento presso terzi – Cosa fare in caso di offerta di un acconto del debitore sulla somma precettata