Pagare un debito del defunto comporta accettazione dell'eredità?

L'INPS ha notificato, tramite raccomandata, ad uno solo dei figli del de cuius, la restituzione dell'importo euro 62,01 poichè sono state riscosse dal de cuius, nell'anno 2012, rate di prestazione in misura superiore a quella spettante.

Premesso che noi figli non abbiamo ancora accettato (nemmeno in forma tacita) l'eredità ma stiamo valutando l'ipotesi di rinunciare, pagare questo piccolo importo di propria tasca comporterebbe accettazione tacita di eredità?

L'articolo 476 del codice civile dispone che l'accettazione è tacita quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede.

La Corte di cassazione (sentenza 14666/2012) ha precisato in modo chiaro che il pagamento di un debito, con denaro proprio, non implica accettazione dell'eredità.

Tuttavia, personalmente, non verserei all'INPS neanche un centesimo di quanto richiede, se non dopo aver deciso di accettare esplicitamente l'eredità. Sappiamo benissimo che le sentenze di cassazione ed il codice civile servono ad essere richiamati nelle aule dei Tribunali dove la burocrazia ci tira per i capelli.

6 novembre 2017 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Presentare la dichiarazione dei redditi per conto del defunto comporta accettazione tacita dell'eredità
Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni e il termine decorre dal giorno dell'apertura della successione. Tuttavia, i chiamati che hanno rinunciato all'eredità possono sempre accettarla, anche tacitamente, se non è già stata acquistata da altri chiamati e senza pregiudizio per i diritti acquisiti da terzi sui ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
La richiesta di voltura catastale di un immobile del defunto non comporta necessariamente accettazione tacita dell'eredità
Non sempre la voltura dei beni appartenenti al defunto in favore degli eredi comporta accettazione tacita dell'eredità: in particolare, quando l'atto di voltura, pur effettuato nell'interesse di tutti i coeredi, viene in concreto richiesto da uno solo di essi, l'accettazione tacita dell'eredità si produce solo in favore di chi vi ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
La riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità
L'accettazione tacita di eredità, che si ha quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede, può essere desunta anche dal comportamento del chiamato, che abbia posto in essere una serie di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca