Multe e salute - Fumare in auto è vietato?

Mio figlio, fumatore, ha preso da poco la patente: sono preoccupato perché è solito fumare mentre guida, che secondo me è molto pericoloso per la distrazione oltre ad essere svantaggioso in merito alla salute.

Sussiste qualche multa per chi fuma alla guida di un'autovettura?

In linea generale, il codice della strada non vieta di fumare mentre si guida: in alcuni casi, però, si può incorrere in una sanzione per trasgressione alle regole generali per la tutela dei non fumatori.

Vediamo di essere più chiari.

Con il decreto legislativo 6/2016 è stato stabilito il divieto di fumare in auto, sia che essa sia in movimento che sia ferma in sosta, se al suo interno è presente un minore di 18 anni, una donna in stato di gravidanza o se si è nelle vicinanze di un ospedale.

Questo decreto estende la legge 3/2003, a tutela della salute, recependo la direttiva europea del 2014.

Le norme sul divieto di fumare, nei casi sopracitati, prevedono una sanzione che parte da 27,50 per arrivare a 275,00 euro.

Quando la violazione è compiuta davanti a un minore di 12 anni o di una donna in evidente stato di gravidanza la multa viene raddoppiata e si può arrivare a pagare più di 500 euro.

Essendo sanzioni disciplinate dalle regole generali per la tutela dei non fumatori e non dal Codice della Strada, non sono concessi sconti per chi paga entro i cinque giorni, come solitamente avviene.

Inoltre vengono cambiate anche le modalità di ricorso: si può chiedere ricorso solo al prefetto entro 30 giorni, e non anche al Giudice entro 60 giorni, come previsto in casi analoghi.

Il Ministero della Salute in questo modo vuole tutelare la salute dei non fumatori e in particolare quella del nascituro, di bambini e giovani dal pericolo del fumo passivo.

Sembra, però, che prossimamente la legge possa subire ulteriori modifiche, rimanendo in tema con la direttiva europea di diminuire il numero di fumatori e punire maggiormente i trasgressori, estendendo il divieto assoluto di fumare in macchina.

Staremo a vedere.

26 ottobre 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa - fumare durante la guida

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Multe con auto aziendale elevata a dipendente » Spetta al datore di lavoro comunicare i dati del conducente
In caso di una o più multe elevate ad un dipendente, senza contestazione immediata, mentre risulta alla guida di un'autovettura aziendale, spetta al datore di lavoro l'obbligo della comunicazione dei dati del conducente. Risponde il datore di lavoro della mancata comunicazione dei dati del conducente se l'infrazione stradale è stata ...
Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...
Indennità di accompagnamento e patente di guida speciale - Non incompatibili a priori
Non sussiste incompatibilità assoluta tra indennità di accompagnamento e titolarità di una patente di guida speciale: essere beneficiari dell'indennità di accompagnamento non é a priori incompatibile con il conseguimento o il rinnovo di una patente speciale. Il discrimine é la guida in condizioni di sicurezza per sé e per gli ...
Criteri di valutazione equitativa del danno non patrimoniale alla salute
Il codice civile prescrive che, qualora il danno non possa essere provato nel suo preciso ammontare, esso deve essere liquidato dal giudice con valutazione equitativa. Ma, quali sono, in particolare, i criteri cui deve ispirarsi il giudice nella valutazione equitativa del danno non patrimoniale alla salute? Innanzitutto, il giudice chiamato ...
Contratti di locazione » Immobile in condizioni pietose? Locatore deve risarcire il conduttore se ha riscontrato problemi di salute
Contratti di locazione: anche se le anomalie dell'immobile in affitto erano note al conduttore, in caso di problemi alla salute di quest'ultimo, deve esserci il risarcimento danni da parte del locatore. Il locatore è tenuto a risarcire il danno alla salute subito dal conduttore in conseguenza delle condizioni abitative dell'immobile ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca