Mi sono dimesso con pignoramento in corso - Cosa succede adesso?

Il mio ex datore, a prescindere dal pignoramento a cui sono andato incontro, non aveva alcuna intenzione di versarmi il tfr quando mi sono dimesso. Dopo le dimissioni non ho saputo più niente della mia posizione nè del tfr e nemmeno dell eventuale pignoramento del mio tfr. Da come ho letto un giudice stabilirà l'importo del pignoramento del tfr e quindi il datore non è tenuto a versarmi niente prima di allora. Ma è passato un anno e avrei intenzione di andare per vie legali dato che, ripeto, a prescindere dal pignoramento il datore non vuole proprio saperne di versare il tfr.

Come ci si muove in questi casi? Il datore all'epoca mi pagava liquidamente. Dopo il pignoramento del 20% del tfr dove andranno a finire la restante parte, come ci si può tutelare? Posso dopo quasi un anno denunciare il fatto?

Deve rivolgersi ad un avvocato che può individuare, ad onorari accessibili, iscrivendosi ad una sigla sindacale con sportelli sul territorio in cui vive. L'avvocato diffiderà l'ex datore di lavoro a versarle il TFR residuo al pignoramento (circa l'80% di quanto maturato al momento delle dimissioni). Dopodiché, qualora il suo debitore permanesse nell'inadempimento, dovranno essere avviate le procedure per il recupero coattivo del TFR.

27 ottobre 2018 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento del trattamento di fine rapporto (TFR)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento beni » Che succede quando il valore è superiore al debito
In tema di pignoramento, il creditore ha la possibilità di agire sui beni di proprietà del debitore anche se il loro valore è superiore a quello del credito vantato. La normativa vigente, infatti, consente al creditore di effettuare il pignoramento di beni del valore pari all'importo del proprio credito, aumentato ...
Mutuo » Cosa succede dopo il divorzio?
Come noto, sempre più famiglie italiane, per avere la liquidità necessaria ad acquistare la loro prima casa si rivolgono alle banche per riuscire, o almeno provare, ad accendere un mutuo. Quando si cerca l'appartamento naturalmente, il matrimonio è agli inizi e tutto procede per il verso giusto. Per molte coppie, ...
Recupero crediti di lavoro per differenze retributive - legittimo pretendere gli importi delle ritenute versate dall'azienda prima del pignoramento
In tema di recupero dei crediti di lavoro per differenze retributive, è legittimo il pignoramento attivato dal lavoratore per ottenere l'importo delle ritenute già versate all'erario prima della notifica dell'atto. Per giurisprudenza consolidata, infatti, l'accertamento e la liquidazione del credito spettante al lavoratore per differenze retributive devono essere effettuati al ...
Pignoramento della casa - Quando si estende alle pertinenze
Il pignoramento di un immobile comprende gli accessori, le pertinenze e i frutti della cosa pignorata. Al riguardo la giurisprudenza è univoca nel ritenere che costituitosi un rapporto pertinenziale tra beni a seguito della destinazione operata dal proprietario della cosa principale che ha la piena disponibilità anche della cosa accessoria, ...
Pignoramento di stipendi, pensioni e indennità - Tips and Tricks
A proposito di pignoramento presso terzi, ed in particolare di pignoramento di stipendi e pensioni, rispettivamente presso datore di lavoro ed INPS, forse non tutti sanno che: la pensione di invalidità è impignorabile in quanto ha natura di sussidio; l'indennità di mobilità è impignorabile in quanto ha natura di sussidio; ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca