Roma: stazione metro Repubblica chiusa da settimane - Disagi per pendolari ed esercenti: possibile azione legale per ottenere risarcimento?

Sono un piccolo negoziante con un'attività nei presso della stazione metro A di Roma Repubblica, chiusa ormai, inspiegabilmente, da più di due mesi: ciò ha portato un brusco calo delle vendite e degli introiti, e sono stato costretto a mandare anche via due dipendenti.

Ci avevano promesso che avrebbero riaperto la fermata a breve, ma ancora non si vede luce.

Ci sono i presupposti per valutare un'azione legale e poter ottenere un risarcimento dei danni subiti?

Dalla lontana serata del 23 ottobre 2018 la stazione della metropolitana A, denominata Repubblica, di Roma, è inspiegabilmente chiusa: si tratta, per chi non lo sapesse, di una delle fermate principali nel centro della Capitale.

Tutto nasce da un incidente. da cui tutto è scaturito, risalente a diversi mesi fa: uno scandalo.

La decisione,è di Atac: mancano alcuni pezzi di ricambio, e in attesa che arrivino dalle ditte fornitrici (non si sa quando), ai cittadini romani rimane solo da attendere.

Ciò, arreca un grave disagio sia ai pendolari che si recano a lavorare al centro, ma sopratutto agli esercenti.

Infatti, a pagare il prezzo di questa situazione incredibile sono in primis i commercianti.

Tagliati fuori dai flussi turistici consueti, isolati dal resto della Città.

Tutti hanno stimato una perdita di incassi gravissima, specialmente in anni difficili come quelli attuali: una media del 40-50% che significa rischio di licenziamenti e spettro della chiusura per molti di loro.

Ecco perché proprio gli esercenti e i residenti di zona, esasperati da questa empasse senza fine, hanno cominciato a far sentire la loro voce.

Così, un'associazione dei consumatori ha deciso di intervenire a tutela dei negozianti della zona, penalizzati dalla chiusura della fermata, e, oltre a depositare un esposto sul caso, sta valutando una possibile causa risarcitoria collettiva contro Comune e Atac per conto di tutti gli esercenti e le attività commerciali della zona, pesantemente danneggiate sul fronte economico dalla perdurante chiusura della stazione.

Per pre-aderire gratuitamente, senza impegno, all'iniziativa ed essere aggiornati riguardo gli sviluppi della vicenda, è possibile visitare il sito del Codacons.

6 marzo 2019 · Andrea Ricciardi

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

risarcimento danni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca