Un sedicente avvocato mi chiede di pagare una nuova fattura per lavori di ristrutturazione risalenti a quattro anni fa

Ho ricevuto una telefonata da parte di un avvocato sedicente incaricato da un’impresa edile che sostiene di vantare un credito nei miei confronti non dimostrabile poiché non esiste contratto con la stessa. Premesso che tale impresa ha effettuato lavori di ristrutturazione presso la mia abitazione nel 2015, con diverse fatture “a corpo” onorate da parte mia, adesso viene fuori che esisterebbe una fattura da loro emessa che io non avrei pagato, ma di cui io non sono mai stato a conoscenza. Può un soggetto unilateralmente sostenere di vantare un credito senza poterlo dimostrare con un atto contrattuale, in pratica solo la sua parola contro la mia? Nel caso in cui fosse una procedura arbitraria come dovrei comportarmi con l’atto di messa in mora? Ignorarlo? Rispondere per vie legali o in autotutela? Grazie per l’attenzione.

Lasci stare l’autotutela: per ora ignori la telefonata ed eventuali altri contatti epistolari e si attenzioni solo in occasione della notifica di un eventuale, per quanto improbabile, decreto ingiuntivo, allo scopo di contestarlo in opposizione con il supporto di un avvocato.

4 Marzo 2019 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Annotazione nella fattura della percentuale di spesa sostenuta per lavori di ristrutturazione
Un contribuente ha sostenuto insieme al coniuge spese per lavori di ristrutturazione dell'abitazione. Poiché le fatture e i bonifici riportano il nominativo di uno solo di essi si chiede se anche l'altro coniuge possa fruire della detrazione del 36 per cento, previa annotazione in fattura della percentuale di spesa sostenuta. ...

Separazione fra coniugi ed assegnazione alla moglie della casa familiare di proprietà esclusiva del marito - Chi deve pagare le spese per i lavori di ristrutturazione del condominio?
Nell'ipotesi che, in seguito a separazione giudiziale fra coniugi, la casa familiare di proprietà esclusiva del marito venga assegnata alla moglie affidataria dei figli minori (con conseguente costituzione di un diritto di abitazione) e che l'assemblea condominiale deliberi l'esecuzione di importanti lavori sull'edificio, comprendente l'immobile assegnato, la domanda che ci si pone è se le spese di ristrutturazione debbano essere poste a carico del proprietario esclusivo del bene oppure del titolare del diritto di abitazione. Secondo il consolidato indirizzo dei giudici di legittimità, le spese necessarie per la conservazione ed il godimento delle parti comuni costituiscono l'oggetto di un'obbligazione reale ...

Agevolazioni fiscali per ristrutturazione edilizia e il risparmio energetico - La cessione diretta del credito d'imposta (la detrazione) all'impresa che effettua i lavori in cambio di uno sconto equivalente
Ho sentito parlare della possibilità di fruire delle agevolazioni fiscali per la ristrutturazione e per la riqualificazione energetica delle unità abitative, fruendo del credito di imposta, sotto forma di sconto sui lavori, direttamente dall'impresa che esegue l'intervento, senza dover attenderne il rimborso in dieci annualità. Come funziona? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Un sedicente avvocato mi chiede di pagare una nuova fattura per lavori di ristrutturazione risalenti a quattro anni fa