Omessi versamenti alla previdenza obbligatoria gestita da INARCASSA


Un mio familiare ha mancato di versare i contributi obbligatori alla Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti.

Recentemente gli è stata notificata l’ingiunzione di pagamento. Questa fa risalire il debito fino al 2012. C’è una prescrizione? Di quanti anni? Non dovrebbero essere 5? E’ possibile richiedere annualità fino al 2012?

La prescrizione per esigere i contributi dovuti e non versati alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza per Ingegneri ed Architetti (CNPAIA, oggi INARCASSA) è quinquennale, così come stabilito dalla sentenza della Corte di Cassazione 4050/2014: il termine quinquennale decorre dalla scadenza in cui i contributi dovevano essere corrisposti secondo la normativa vigente e, quindi, dal giorno in cui doveva (o meglio, dall’ultimo giorno in cui poteva) essere versato il saldo risultante dalla dichiarazione dei redditi dell’anno di riferimento.

Tuttavia, bisogna verificare se l’ingiunzione di pagamento è stata preceduta dalla notifica di un avviso di accertamento (o avviso di addebito immediatamente esecutivo, secondo altra terminologia) interruttivo dei termini di prescrizione. Cosa che si può fare solo accedendo agli atti riguardanti il professionista e conservati presso INARCASSA.

14 Gennaio 2019 · Tullio Solinas



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Omessi versamenti alla previdenza obbligatoria gestita da INARCASSA