Legge di stabilità e cancellazione Cartelle Esattoriali non superiori a 300 Euro (ulteriori chiarimenti)

Mi sembra ci sia contraddizione tra i due paragrafi sottoriportati: nel primo si afferma che l'ente creditore può riaffidare in riscossione all'agente della riscossione le somme, nel secondo che il credito viene condonato perché non si potrà più riassegnarlo all'agente della riscossione.

Ciò vuol dire che l'ente creditore potrà rivolgersi ad altro ente riscossore?
Infine per avere la certezza che questa cancellazione entri in vigore effettivamente, cosa bisogna attendere? La stampa mi sembra d capire che non ne abbia parlato, né la TV.

"L'ente creditore, qualora nell'esercizio della propria attività istituzionale individui, successivamente al discarico, l'esistenza di significativi elementi reddituali o patrimoniali riferibili agli stessi debitori, può, a condizione che non sia decorso il termine di prescrizione decennale, sulla base di valutazioni di economicità e delle esigenze operative, riaffidare in riscossione le somme, comunicando all'agente della riscossione i nuovi beni da sottoporre a esecuzione, ovvero le azioni cautelari o esecutive da intraprendere.
....................................................................
Per crediti inferiori o pari a 300 euro, l'ente creditore è dispensato dagli ulteriori controlli, ed il credito inesigibile viene in sostanza condonato (visto che il concessionario della riscossione non riceverà più quel credito in affidamento).

Il comma 688 dell'articolo 1 della legge di stabilità impone che le quote inesigibili, iscritte a ruolo, devono essere assoggettate al controllo di cui agli articoli 19 e 20 del decreto legislativo 13 aprile 1999, n. 112.

Le quote inesigibili, di valore inferiore o pari a 300 euro non devono, invece, essere assoggettate al controllo.

29 gennaio 2015 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

condono sanatoria rottamazione definizione agevolata delle cartelle esattoriali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condono delle cartelle esattoriali inferiori o pari a 300 euro se sono trascorsi oltre tre anni dall'emissione
Secondo la Legge di stabilità 2015, saranno condonate le cartelle esattoriali inferiori a 300 euro, se sono trascorsi oltre tre anni dall'emissione. La Legge di Stabilità 2015 (Legge 23 dicembre 2014, n. 190 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2014, n. 300) ha previsto, al comma 688, una nuova sanatoria ...
Cartella esattoriale per somme già pagate » Che fare?
In base alla direttiva del 6 maggio 2010, se il contribuente ritiene non dovuto l'importo richiesto dall'ente creditore, può presentare domanda di sospensione della riscossione direttamente all'Agente della riscossione, attraverso un'autodichiarazione supportata da documentazione giustificativa. Tale procedura è possibile solo nel caso di: pagamento effettuato prima della formazione del ruolo; ...
Equitalia » Chi ha pendenze tributarie non riceverà pagamenti dalla pubblica amministrazione per importi superiori a diecimila euro
Compensazione forzata: la Pubblica Amministrazione (PA), in debito per importi superiori a 10 mila euro, prima di pagare, deve interrogare Equitalia. I soggetti pubblici, ovvero le pubbliche Amministrazioni e società a totale partecipazione pubblica, prima di effettuare un pagamento di importo superiore a 10.000 euro, devono procedere alla verifica di ...
Equitalia/ADER - Istanza di sospensione della riscossione coattiva
Equitalia deve sospendere immediatamente ogni iniziativa, finalizzata all'incasso delle somme iscritte a ruolo o affidate, se il debitore presenta una dichiarazione con la quale documenta che l'atto emesso dall'ente creditore è interessato da: prescrizione o decadenza del credito (intervenuta prima della data in cui il ruolo è reso esecutivo); provvedimento ...
Provvedimenti fiscali - Rateazione con Agenzia delle Entrate e riduzione aggio per Equitalia
Nell'ambito delle deleghe fiscali conferite al governo dalla legge 23/14, sono stati approvati, con il decreto 83/15, numerosi ed importanti provvedimenti in materia di accertamento con adesione, accertamento esecutivo, rateazione ed aggio per il concessionario della riscossione. Rateazione con l'Agenzia delle entrate Per quanto attiene i piani di rientro rateali ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca