Nucleo familiare ISEE e famiglia anagrafica (stato di famiglia) per un militare di carriera che trasferisce la propria residenza presso un parente o un affine

Sono un militare e sono da poco stato trasferito per lavoro presso una diversa provincia rispetto a dove ho la residenza al momento: sto cercando casa e quando sarò trasferito effettivamente vorrei temporaneamente cambiare residenza presso alcuni parenti o amici.

Se andrò a vivere da alcuni parenti o amici il mio reddito farà cumulo con quello di chi mi ospita? Ho letto che la legge 223 del 1989 fa un eccezione nel mio caso; bisogna però, al momento di cambiare la residenza, dichiarare all'ufficiale di anagrafe, che si cambia residenza per motivi militari, religiosi, o altro.

Ai fini fiscali, il reddito percepito da un soggetto A non si cumula mai con quello percepito da un altro soggetto B, benchè appartenente alla stessa famiglia anagrafica di A, vale a dire il reddito di A non si cumula con quello di un altro soggetto B in quanto incluso nello stesso stato di famiglia in cui è inserito A.

Tuttavia i due soggetti A e B, inclusi nel medesimo stato di famiglia, in quanto aventi la stessa residenza e legati da vincoli di parentela, affettivi o di affinità, fanno parte dello stesso nucleo familiare (a meno di casi particolari).

Ne discende che se un soggetto B chiede il trasferimento presso un'unità abitativa in cui già risiede il soggetto A, nell'ipotesi che A e B siano legati da vincoli di parentela, l'ufficiale di anagrafe dispone, per legge, che A e B vengano inclusi nella stessa famiglia anagrafica, il che significa in generale (non sempre) che A e B fanno parte anche del medesimo nucleo familiare.

Alla regola appena enunciata fanno eccezione i militari di leva, di carriera, o che abbiano, comunque, contratto una ferma, pubblici dipendenti, personale dell'arma dei carabinieri, della polizia di Stato, della guardia di finanza e distaccati presso scuole per frequentare corsi di avanzamento o di perfezionamento.

Tale tipologia di soggetti, così come previsto dall'articolo 10 bis lettera (a) del Decreto del Presidente della Repubblica 223/1989, qualora trasferiscano la propria residenza presso un parente o un affine, formeranno comunque una famiglia anagrafica a parte (lo stato di famiglia comprenderà un solo elemento) e un nucleo familiare a sé stante.

Ricordiamo, a beneficio di chi ci legge, che il vicolo di parentela è quello che unisce le persone che discendono da uno stesso soggetto, in linea diretta (padre e figlio, nonno e nipote) o in linea collaterale (fratelli, zio e nipote). L'Affinità, invece, è il vincolo che unisce un coniuge ed i parenti dell'altro coniuge. Sono affini, perciò, i cognati, il suocero e la nuora. Per stabilire il grado di affinità si tiene conto del grado di parentela con cui l'affine è legato al coniuge: così suocera e nuore sono affini in primo grado; i cognati sono affini di secondo grado, eccetera.

26 giugno 2019 · Giorgio Martini

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

ISEE - nucleo familiare e famiglia anagrafica
selezione - nucleo familiare isee

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca