Isee 2021 – Madre assegnataria di casa popolare e convivente con la figlia rischia di vedersi aumentato il canone per i redditi del genero non convivente


DSU - ISEE e nucleo familiare coniugi, nucleo familiare ISEE ISEEU e famiglia anagrafica

Nel 2020 mi sono sposata: io e mio marito abbiamo residenze diverse in regioni diverse, io vivo con mia mamma disabile al 100% e con progressiva demenza. Quest’anno nell’isee 2021 hanno caricato su Isee mio anche reddito di mio marito sebbene nel 2019 nn fossimo sposati. È stato incluso isee ridotto per me e mamma e risulta zero ma fa testo i soldi da lavoratore dipendente di mio marito. Ma nn si può tener conto della residenza diversa in questi calcoli? A mia madre le case popolari vogliono aumentare affitto perché ha isee alto ma mio marito nn vive con noi. Che si può fare? Rischia che le tirino via i vari bonus per Isee nn veritiero per dei redditi che nn usufruisce. Che si può fare?

Andiamo per ordine: per l’ISEE 2021 vale il nucleo familiare esistente al momento della Dichiarazione Sostitutiva Unica per il calcolo dell’Indicatore della Situazione Economica equivalente. Quindi se nel 2021 il nucleo familiare è composto da madre, genero e figlia, allora i redditi presi in considerazione (e come tali riferiti al 2019) sono anche quelli del genero.

Moglie e marito devono necessariamente far parte del medesimo nucleo familiare, tuttavia, con una prerogativa: essi possono scegliere, virtualmente, come residenza coniugale quella della moglie o del marito. Scegliendo come residenza coniugale quella della moglie, allora il nucleo familiare è formato da madre, figlia e genero. Ed è questa scelta implicita che ha avuto come conseguenza l’aberrante aumento dell’ISEE della povera signora madre.

Scegliendo, infatti, come residenza coniugale quella del marito, abbiamo due nuclei familiari: il primo formato dalla sola madre, il secondo formato dalla figlia, dal genero e da tutti gli altri componenti della famiglia anagrafica (stato di famiglia) del genero.

Quindi per salvare la madre dall’eventuale aumento del canone di locazione della casa popolare, la figlia deve fare l’ISEE considerando la residenza (virtuale) preso il marito ed indicando come nucleo familiare lei stessa, il marito e tutti i soggetti (se ve ne sono) elencati nello stato di famiglia del marito.

La madre, allora, quando presenterà la DSU/ISEE 2021 indicherà come nucleo familiare di riferimento quello formato da lei sola. E non sarà soggetta ad aumento del canone di locazione della casa popolare.

29 Gennaio 2021 · Genny Manfredi

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 175 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Isee 2021 – Madre assegnataria di casa popolare e convivente con la figlia rischia di vedersi aumentato il canone per i redditi del genero non convivente. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.