Contributi INPS per socio lavoratore ed amministratore di srl


Io e i miei amici vorremmo aprire una srl, io sarei al 60% loro al 20+20 (siamo in tre): sto cercando di farmi un idea sui costi, che costi ci sono per quanto riguarda l’INPS?

Considerando che io sarei socio lavoratore loro sarebbero solo soci che hanno messo parte del capitale senza aver niente a che fare con il lavoro aziendale. Essendo l’unico socio lavoratore devo esser io l’amministratore? Eventualmente cosa converrebbe fare?

Se non si vuole nominare un amministratore esterno, il compito di amministratore della società a responsabilità limitata può essere svolto dal socio lavoratore.

il socio lavoratore ha l’obbligo di iscrizione alla gestione commercianti-artigiani: per il 2019 il contributo minimo annuo è pari a circa 3.820 euro, per un reddito d’impresa fino a 15.878.

Per la quota del reddito d’impresa eccedente il minimale di euro 15.878 annui e fino ad euro 47.143, il prelievo par la contribuzione INPS è del 25%.

E’ bene chiarire che il socio lavoratore ed amministratore risponde personalmente, con il proprio patrimonio, oltre che dell’omesso versamento dei contributi previdenziali dovuti, anche dell’omesso versamento delle imposte societarie per IRES e IVA.

Non si tratta di un gioco fra amici e conviene affrontare il problema consultando un professionista della fiscalità d’impresa.

31 Marzo 2019 · Tullio Solinas



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Contributi INPS per socio lavoratore ed amministratore di srl