Ingiunzione fiscale per sanzione amministrativa non pagata ed aggravio per omessa comunicazione dati conducente

Nel maggio del 2012 mi veniva notificato un verbale per eccesso di velocità con la decurtazione di punti 3 dalla patente della somma di euro 173 e 50 centesimi dal comune di Rivoli. Non pagata nei termini nel mese di settembre mi viene notificato nuovamente da un ente ICA srl per il recupero del credito la somma di € 319.50 + euro 14.50 di spese con scadenza 31/10/2012 pagata in ritardo per miei problemi in quel periodo il 13/11/2012 senza comunicare i dati del conducente (non richiesti con questa seconda notifica).

Il 30 gennaio ritiro in posta un ingiunzione di pagamento della cifra totale di €989.00 con diverse diciture nel foglio allegato.

Non riuscendo a capire a cosa si riferivano questi conti ho chiamato l'ufficio gestione verbali per chiarimenti e mi è stato detto che si riferisce alla mancata comunicazione dei dati del conducente.

Io dal 13/11/2012, per carità in ritardo, nel pagare il verbale ad oggi non ho mai ricevuto nulla dal comune di Rivoli.

Il Comune di Rivoli le ha notificato una sanzione amministrativa che lei non ha pagato. Ha quindi affidato la riscossione coattiva del credito alla società ICA.

Per quanto attiene l'obbligo di comunicare i dati del conducente, se non contestuale (come dovrebbe) al primo verbale che dà notizia della decurtazione dei punti patente, può essere stato notificato successivamente per compiuta giacenza. Per saperne di più deve necessariamente recarsi presso l'ufficio comunale preposto alla riscossione delle sanzioni amministrative e chiedere copia della ricevuta di invio dell'atto.

La prima ingiunzione fiscale, onerata da interessi semestrali di ritardato pagamento della sanzione amministrativa è stata ottemperata in ritardo, e quindi risulta, a tutti gli effetti, come non pagata.

La seconda ed ultima ingiunzione fiscale comprende, molto probabilmente, l'originaria sanzione per eccesso di velocità, la sanzione accessoria per omessa comunicazione dei dati del conducente al momento dell'infrazione, gli interessi semestrali ad oggi.

Le suggerisco di recarsi presso gli uffici ICA con l'attestato del pagamento effettuato, anche se in ritardo, relativo alla prima ingiunzione fiscale. L'importo già versato deve essere detratto dalla somma pretesa con la seconda ingiunzione fiscale.

3 marzo 2016 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ingiunzione fiscale
interessi semestrali sanzione amministrativa non pagata
multa pagata in ritardo
omessa comunicazione dati conducente

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Omessa comunicazione dati conducente - Il proprietario è soggetto alla sanzione pecuniaria anche se Il giudice di pace accoglie il ricorso al verbale di infrazione
Chiunque non ottemperi all'invito dell'autorità di presentarsi, entro il termine stabilito nell'invito medesimo, ad uffici di polizia per fornire informazioni o esibire documenti ai fini dell'accertamento delle violazioni amministrative previste dal codice della strada è soggetto alla sanzione amministrativa (da euro duecentocinquanta a euro mille) prevista per la mancanza del ...
Patente a punti » Avviso di comunicazione dati del conducente: l'impugnazione del verbale non basta al proprietario del veicolo per evitare la sanzione
Avviso di comunicazione dati patente del conducente: impugnare il verbale non basta. L'obbligo, posto a carico del proprietario del veicolo, di comunicare i dati del conducente che ha commesso la violazione del Codice della Strada costituisce un distinto obbligo, sanzionato autonomamente, che nasce dalla richiesta avanzata dall'Amministrazione ove sia contestata ...
Infrazione e mancata comunicazione dati conducente » Decide giudice del luogo dove ha sede Polizia
Infrazione commessa e mancata comunicazione dei dati del conducente. In questo caso è competente il giudice del luogo dove ha sede l'organo di polizia procedente. Infatti, contro il verbale di accertamento a carico del conducente che non comunica le generalità della persona al volante al momento dell'infrazione, è territorialmente competente ...
Comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni
Quando non c'è contestazione immediata della multa e l'infrazione commessa è sanzionata con la decurtazione dei punti patente, il verbale viene notificato  al proprietario del veicolo il quale ha l'obbligo,  entro 60 giorni dalla notifica, di comunicare  i dati dell'effettivo trasgressore per poter procedere nei suoi confronti. La mancata comunicazione dei ...
Multa e comunicazione dati conducente » La grande trappola del Cds
C’è una disgraziata norma nel Codice della Strada che sta combinando guai catastrofici agli automobilisti. Nessuno vuole rivelarli e tanti fanno finta di non saperne niente. A partire da quei Comuni che ne traggono vergognosi vantaggi economici. Si tratta dell'articolo 126 bis. L'art 126 bis, comma due, del Codice della ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca