Incasso indennità di disoccupazione - la carta prepagata ha un limite di accredito di 2.500 euro?

In riferimento a questa discussione, la carta prepagata ricaricabile accetta accrediti fino a 2500 euro. Ho chiesto il pagamento frazionato ma non è assolutamente possibile. Un conto corrente non posso averlo. Qualcuno conosce qualche soluzione?

Riguardo la carta prepagata con IBAN che lei utilizza, si tratta, evidentemente, di una limitazione fissata, forse per motivi di sicurezza, dalla banca emittente (o da Poste Italiane).

Esistono, per certo, prodotti che non presentano tale limitazione.

26 febbraio 2016 · Ornella De Bellis

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Carta prepagata ricaricabile con IBAN
La carta prepagata ricaricabile con IBAN è una carta prepagata nominativa, ricaricabile, riservata alle persone fisiche che abbiano raggiunto la maggiore età e che abbiano l'esigenza di effettuare le principali operazioni bancarie senza la necessità di aprire un conto corrente e senza dover sostenere alcun costo di emissione e di ...
Carta di credito prepagata – una soluzione percorribile per chi ha subito un protesto
La carta prepagata è uno strumento rilasciato a fronte di un versamento anticipato di fondi effettuato all'emittente. Essa incorpora il potere d'acquisto pagato in via anticipata dal titolare della carta e viene emessa da banche, nel caso in cui la carta sia spendibile presso una molteplicità di esercenti (carta a ...
Phishing » Quando l'istituto di credito deve il risarcimento al proprio cliente?
Il famigerato phishing: molti italiani cadono, spesso, in questa trappola. Ma in sostanza, cos'è il phishing? E ancora, quando avviene, l'istituto di credito è responsabile? In quali casi deve il risarcimento danni al proprio correntista? Con la tecnica fraudolenta del phishing i cyber-criminali riescono ad acquisire i dati dei conti ...
Carta di credito utilizzata in altro continente - Il blocco senza preavviso è legittimo
Il blocco, senza preavviso, di una carta di credito prepagata è legittimo quando l'utilizzo dello strumento di pagamento avviene in un altro continente, senza che la banca sia stata messa al corrente, con congruo anticipo, del verificarsi della imminente circostanza e qualora siffatto utilizzo non rientri nel normale uso da ...
Stipendi pubblici e pensioni - Resta l'obbligo di accredito in conto corrente per importi superiori ai mille euro
Al fine di favorire la modernizzazione e l'efficienza degli strumenti di pagamento, riducendo i costi finanziari e amministrativi derivanti dalla gestione del denaro contante da parte della Pubblica Amministrazione, l'articolo 2 del decreto legge 138/2011, al comma 4 ter, lettera c) dispone che lo stipendio, la pensione, i compensi comunque ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca