Qual è la giurisprudenza sugli acquisti finanziari in regime di comunione dei beni?

Quando un coniuge in regime di comunione dei beni usa soldi suoi personali per acquistare azioni o titoli o fondi di investimento, l’acquisto comporta sempre la comunione immediata di tali beni finanziari, o ci sono eccezioni? In altre parole, per chiarire meglio la domanda, come si orienta la giurisprudenza prevalente odierna?

Senza scomodare la giurisprudenza consolidata su una questione alquanto chiara, a norma dell’articolo 179 del codice civile, se per suoi soldi personali si intendono:

– i soldi acquisiti successivamente al matrimonio per effetto di donazione o successione (quando nell’atto di donazione o nel testamento non è specificato che essi sono attribuiti alla comunione);

– i soldi depositati in conto corrente intestato al coniuge, prima del matrimonio;

– i soldi ottenuti a titolo di risarcimento del danno, nonché quelli percepiti con la pensione attinente alla perdita parziale o totale della capacità lavorativa del coniuge;

– i soldi acquisiti con il prezzo del trasferimento di proprietà degli immobili posseduti dal coniuge prima del matrimonio oppure ereditati o ricevuti in dono dopo il matrimonio;

allora i titoli obbligazionari ed azionari, nonché le quote di fondi di investimento, acquistati con “quei soldi” non costituiscono oggetto della comunione e sono considerati beni personali del coniuge.

18 Settembre 2018 · Annapaola Ferri



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti