Finanziamento assistito da Fondo di garanzia per le PMI del Ministero dello Sviluppo Economico (legge 662/1996)

Ho stipulato il giorno 11 ottobre 2017 un contratto di finanziamento assistito da garanzia pubblica ai sensi della legge 662/1996 per l'80%: dopo 16 rate pagate purtroppo l attività ha subito un involuzione e sto per chiudere. Volevo sapere come funziona adesso il recupero crediti. In quale momento la banca erogatrice del prestito si rifarà sul fondo? Rischio solo il 20% oppure il Fondo di Garanzia può rivalersi su di me? Sono una ditta individuale ma non ho nulla da perdere.

Funziona così: in caso di insolvenza del debitore, la banca che ha erogato il prestito verrà rimborsata dal Fondo Centrale di Garanzia per l'80% e, in caso di eventuale esaurimento di fondi di quest’ultimo, direttamente dallo Stato.

Fatto R il debito residuo, l'80% di R verrà escusso tramite Agenzia delle Entrate Riscossione, mentre il 20% di R verrà ceduto dalla banca che ha erogato il prestito a società operanti nel recupero dei crediti deteriorati. Anche la cessionaria, naturalmente, tenterà di escutere il debitore inadempiente.

7 maggio 2019 · Annapaola Ferri

Altre discussioni simili nel forum

recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca