Finanziamento assistito da Fondo di garanzia per le PMI del Ministero dello Sviluppo Economico (legge 662/1996)

Ho stipulato il giorno 11 ottobre 2017 un contratto di finanziamento assistito da garanzia pubblica ai sensi della legge 662/1996 per l'80%: dopo 16 rate pagate purtroppo l attività ha subito un involuzione e sto per chiudere. Volevo sapere come funziona adesso il recupero crediti. In quale momento la banca erogatrice del prestito si rifarà sul fondo? Rischio solo il 20% oppure il Fondo di Garanzia può rivalersi su di me? Sono una ditta individuale ma non ho nulla da perdere.

Funziona così: in caso di insolvenza del debitore, la banca che ha erogato il prestito verrà rimborsata dal Fondo Centrale di Garanzia per l'80% e, in caso di eventuale esaurimento di fondi di quest’ultimo, direttamente dallo Stato.

Fatto R il debito residuo, l'80% di R verrà escusso tramite Agenzia delle Entrate Riscossione, mentre il 20% di R verrà ceduto dalla banca che ha erogato il prestito a società operanti nel recupero dei crediti deteriorati. Anche la cessionaria, naturalmente, tenterà di escutere il debitore inadempiente.

7 maggio 2019 · Annapaola Ferri

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca