Finanziamento assistito da fondo di garanzia non rimborsato – Cosa succede adesso?


Argomenti correlati:

A seguito di un contratto di finanziamento ed a seguito di varie vicende favorite anche dalla banca, non ho pagato delle rate del finanziamento. Tale finanziamento e’ coperto per l’80% dal fondo PMI. Cosa succederà ora? La banca farà prima decreto ingiuntivo oppure iscrive il debito a ruolo e chiede l’80% al fondo?

Molto dipende dalle clausole del contratto di garanzia: se è previsto il beneficio di escussione per il garante (il fondo di garanzia), la banca dovrà prima tentare l’azione esecutiva nei confronti del debitore principale (lei) per il 100% del debito residuo: qualora i pignoramenti sui beni di proprietà del debitore principale risultassero infruttuosi, la banca potrà chiedere al fondo di garanzia il rimborso dell’80% del debito residuo (o rimasto insoddisfatto a seguito delle azioni esecutive avviate). Successivamente il fondo di garanzia eserciterà il diritto di rivalsa sul debitore principale.

Qualora, invece, nel contratto stipulato fra creditore e fondo di garanzia, non sia previsto il beneficio di escussione, allora la banca chiederà un decreto ingiuntivo per il 20% del debito residuo e il rimborso al garante per il rimanente 80%. In un tale scenario, convergeranno le azioni esecutive avviate da banca e fondo di garanzia, nei confronti del debitore principale, finalizzate al recupero di quanto non rimborsato dal creditore principale.

Insomma, per il debitore principale cambia poco in ogni caso.

5 Settembre 2019 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Finanziamento assistito da fondo di garanzia non rimborsato – Cosa succede adesso?