Fibra ottica: velocità internet dichiarata minore di quella reale? – Ecco come tutelarsi con l’operatore


Tutela consumatore - telefonia internet social DT e pay tv

Da qualche mese il mio operatore di linea fissa e internet mi ha inviato il nuovo modem, poiché, mi hanno spiegato, la mia linea passava dalla semplice ADSL alla fibra: in realtà, però, non ho notato grandi miglioramenti e anzi, la velocità è paradossalmente addirittura peggiorata.

Un amico mi ha spiegato che a volte ciò accade poiché la fibra non arriva direttamente all’abitazione, ma solo alla cabina stradale.

Io però, adesso, sto pagando di più.

Cosa posso fare per far valere i miei diritti?

In merito alla connessione internet tramite la fibra ottica, negli ultimi tempi, si è creata parecchia confusione, date le problematiche, sempre uguali, che lamentano i consumatori: parliamo di velocità della linea bassa, modem non adatti, abitazioni non sufficientemente vicine alla centrali.

In realtà, infatti, dei 17 milioni di utenti che hanno una linea internet a casa solamente il 4,5% del totale ha una connessione con vera fibra.

A complicare ulteriormente la situazione c’è la pubblicità che molte compagnie telefoniche hanno messo in atto vendendoci per fibra una connessione che nella realtà è tutt’altro che veloce.

Gli operatori telefonici sembra abbiano giocato molto sulla confusione che esiste nel riuscire a capire quanto potente e che tipo di connessione possiamo avere all’interno del nostro appartamento.

Comunque, dapprima, è bene chiarire che l’Agcom ha stabilito che si può vendere un contratto con la fibra soltanto se la connessione arriva fino a dentro l’abitazione del cliente.

A volte, infatti, la presunta fibra arriva solo alla cabina stradale o al distributore del quartiere.

Tutto ciò non è sufficiente per poterla considerare vera fibra, infatti basta che il collegamento dalla cabina all’abitazione avvenga attraverso il normale doppino di rame e si finisce per abbassare moltissimo la velocità di trasmissione effettiva, impedendoci di navigare alla velocità pattuita con il gestore.

Per riuscire a capire se la nostra, è realmente la fibra per cui paghiamo ogni mese la bolletta è utile verificare la velocità effettiva con cui navighiamo con delle app che si possono scaricare comodamente suoi nostri dispositivi.

Ma soprattutto è molto importante verificare la velocità di navigazione con il così detto “Misura internet”, presente sul sito dell’Agcom, con il quale si ottiene un certificato che ha valore legale e può essere usato per reclamare contro il mancato rispetto delle condizioni stabilite nel contratto.

Nel momento in cui si ha la prova che la velocità di connessione è minore rispetto a quanto previsto dal contratto, si può presentare un reclamo scritto nel quale descrivere il problema allegando il risultato del test eseguito.

3 Aprile 2019 · Giovanni Napoletano

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: 


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 260 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Fibra ottica: velocità internet dichiarata minore di quella reale? – Ecco come tutelarsi con l’operatore. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.