Esecuzione dei lavori di ristrutturazione interrotta senza un apparente giustificato motivo – E l’appartamento è al momento inagibile

Il 06/07/2020 ho preso accordi con una Ditta Edile per ristrutturare un appartamento di proprietà: stabilita la somma totale dei lavori e i relativi anticipi in denaro, la Ditta inizia saltuariamente quanto concordato su ristrutturazione appartamento.

La somma data in anticipo, pari a quasi la metà del totale, viene trascritta in forma privata con nostra firma, entrambi i contraenti con data, nome ditta e partita IVA della stessa.

Arriviamo ad oggi, 23 settembre 2020: lavori interrotti e con disagi enormi, senza cucina e servizi igienici non mi è possibile entrare e vivere in questo appartamento.

Quesito : posso chiedere risarcimento danni?

Sicuramente potrà avviare un’azione giudiziale di risarcimento danni nei confronti della ditta edile incaricata di eseguire i lavori di ristrutturazione se dalla scrittura privata emerge, con chiarezza, la data limite concordata di consegna dell’appartamento ristrutturato, e dai bonifici a favore dell’appaltatore, la puntualità di trasferimento dei corrispettivi pattuiti.

Va, tuttavia considerato che il comma 2 ter dell’articolo 103 del decreto legge 18/2020 dispone che nei contratti tra privati, in corso di validità dal 31 gennaio 2020 e fino al 31 luglio 2020, aventi ad oggetto l’esecuzione di lavori edili di qualsiasi natura, i termini di inizio e fine lavori si intendono prorogati per 90 giorni decorrenti dalla data di fine emergenza (18 maggio 2020).

Quindi, se nella scrittura privata sottoscritta il 6 luglio 2020 è stato prevista una data di fine lavori, tale data, ai fini dell’eccezione di inadempimento per ritardata consegna, va posticipata di un numero di giorni pari a quelli che intercorrono fra il 6 luglio e il 18 agosto (data di fine del periodo di sospensione previsto dalla legge).

Il danno, in ogni caso andrà dimostrato, se non sono già state previste penali per il ritardo nella consegna dell’appartamento oggetto dei lavori di ristrutturazione, allegando ad esempio, le spese documentate per acquisire e condurre (canoni di locazione) un altro appartamento in affitto per la famiglia che avrebbe dovuto occupare l’unità abitativa ristrutturata o per altro qualsiasi tipo di soggiorno alternativo.

23 Settembre 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Agevolazioni fiscali per lavori di manutenzione ordinaria dopo la chiusura dei lavori
Ho fatto dei lavori di ristrutturazione nella mia casa privata ed ho comunicato in comune la fine lavori a maggio 2019: a luglio 2019 ho avuto problemi nel bagno , a causa della ditta che ci ha ristrutturato l'appartamento e mi sono affidato quindi ad altra impresa per fare lavori di manutenzione ordinaria (riparazione per perdita d'acqua, sistemazione pareti e piastrelle). Posso beneficiare del recupero edilizio 50% per questi costi aggiuntivi anche se sono stati fatti dopo la chiusura della Cila in comune? ...

Lavori di ristrutturazione del condominio » Per i danni ad un singolo appartamento chi è obbligato al risarcimento danni?
Condominio: chi paga quando i lavori sono fatti male e danneggiano un singolo appartamento. Quando i lavori condominiali creano un danno al singolo appartamento, si crea una complessa catena di responsabilità. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20557/14. Da ciò che si evince dalla suddetta pronuncia, il proprietario della casa danneggiata dai lavori eseguiti su parti comuni può chiedere, in determinati casi, il risarcimento non solo alla ditta di costruzioni, ma anche all'amministratore e al condominio. Partiamo da un ovvio principio: è noto che, se l'esecuzione di lavori condominiali sulle parti comuni dell'edificio danneggia l'appartamento ...

Il condomino che non contribuisce alle spese per l'intervento sulle parti comuni può controllare esecuzione dei lavori?
Ristrutturo appartamento in bifamigliare ed intervengo anche su parti comuni (consolidamento muri maestri - di antico edificio in pietra - ed eliminazione umidità di risalita). Altro condomino , a cui ho chiesto di contribuire (articolo 1125 codice civile), mi ha inviato lettera avvocato informandomi che NON CONTRIBUISCE nelle spese. Inizieremo i lavori tra qualche giorno; quando i lavori saranno "in corso" può altro condomino verificare (personalmente o da tecnico di fiducia) l'esecuzione dei lavori a cui si è SOTTRATTO all'Obbligo di Contribuzione? Non intendo fare entrare nessuno nel mio appartamento dato che altro condomino può avere informazioni dall'accesso agli atti ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Esecuzione dei lavori di ristrutturazione interrotta senza un apparente giustificato motivo – E l’appartamento è al momento inagibile