Errore rimborso tasse universitarie

Sono uno studente universitario, e come ogni anno dopo aver pagato le dovute tasse alla mia università me ne è stata rimborsata una quota in relazione a vari parametri (valore isee, numero e votazione degli esami sostenuti, residenza lontana dalla città sede del corso universitario).

Ora, dopo parecchi mesi, sono stato contattato dalla tesoreria dell'università, che mi ha informato del fatto che è stato commesso un errore nel calcolo del rimborso, e pertanto dovrò restituire una quota considerevole (circa la metà) del denaro che loro stessi mi hanno erogato.

Il problema però è che nel frattempo ho adoperato tale somma per far fronte alle varie spese quotidiane (affitto, libri ecc...), perciò al momento sarei in notevole difficoltà ad adempiere a tale richiesta.

La mia domanda, pertanto, è la seguente: sono io in obbligo di restituire soldi che l'università stessa mi ha erogato, commettendo un errore che mi sta procurando non poco disagio? E, in caso di risposta affermativa, posso perlomeno chiedere un dilazionamento del pagamento?

Lei, purtroppo, è tenuto a rimborsare quanto erroneamente corrisposto dall'Università.

Nello stesso tempo, ha tutto il diritto di chiedere ed ottenere una rateazione del rimborso.

27 gennaio 2015 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Errore di accredito in conto corrente da parte di terzi – Il rimborso è a carico del correntista
Nel caso sia un terzo ad accreditare per errore su un conto corrente una somma non dovuta, chi ha ricevuto il versamento non può chiedere alla banca di restituire al disponente la somma erroneamente accreditatagli. Il rimborso deve essere effettuato direttamente dal correntista che ha ricevuto il pagamento, senza che ...
Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE - Accesso alle agevolazioni per gli studenti universitari (ex ISEEU)
Per la richiesta di prestazioni per il diritto allo studio universitario (esempio agevolazioni per tasse universitarie, mensa e alloggi universitari a tariffa agevolata) è necessario fornire informazioni ulteriori rispetto a quelle contenute nella Dichiarazione Sostitutiva Unica standard. Questo perché occorre indicare alcuni dati sulla condizione del soggetto che intende richiederne, ...
No agli accertamenti fiscali per gli studenti-lavoratori » Ecco quando non vanno applicati gli studi di settore
Niente accertamenti fiscali per lo studente-lavoratore. In caso di accertamento basato sui parametri o sugli studi di settore, il contribuente può fare leva sul concomitante impegno universitario che ha sottratto tempo all'attività di lavoro autonomo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22949/14. Per chiarire la ...
Sempre scusabile l'errore indotto nel destinatario che impugna l'atto trasmessogli dalla Pubblica Amministrazione seguendo le istruzioni (errate) in esso contenute
La clausola d'impugnazione, obbligatoriamente inserita in un accertamento fiscale o in una cartella esattoriale per la riscossione di sanzioni amministrative, produce l'effetto di far gravare interamente sull'autorità amministrativa le conseguenze del rischio di errore delle informazioni in essa contenute, attuandosi in tal modo la tutela dell'affidamento del destinatario nella Pubblica ...
Autotutela e amministrazione tributaria
Se l'Amministrazione tributaria prende atto di aver commesso un errore, può annullare il proprio operato e correggerlo senza necessità di attendere la decisione di un giudice: questo potere di autocorrezione si chiama "autotutela". La competenza a effettuare la correzione è, generalmente, dello stesso ufficio che ha emanato l'atto. Un atto ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca