Svolgo la mia attività in un locale di cui mio padre è comproprietario - Avendo egli un debito con Agenzia Entrate Riscossione, come si può evitarne il pignoramento?

Mio padre ha 73 anni, é pensionato ed aveva un attività di parrucchiere in un locale in comproprietà al 50% con mia madre, da cui è divorziato. Io, figlio, ho rilevato l'attività che continuo a svolgere nello stesso locale concessomi in comodato d'uso. Mio padre negli anni addietro ha accumulato diverse cartelle Equitalia per un totale, ad oggi, di circa 85 mila euro. Da diversi anni a questa parte papà chiede la rateazione del debito ma non ce la fa a pagare perché le rate sono molto alte rispetto alla sua pensione. Inoltre lui deve versare 300 euro a mia madre, come stabilito dal giudice. Come fare a pagare rate rate più sostenibili per evitare il pignoramento dell'immobile in cui si svolge la mia attività di parrucchiere?

L'immobile non ad uso abitativo è pignorabile: l'unico modo per venirne fuori è la donazione del 50% del locale di proprietà del debitore al figlio, sperando che entro cinque anni dalla data di perfezionamento dell'atto il concessionario non proceda a chiedere la revoca della donazione. A questo scopo, nel frattempo, bisognerebbe pagare le rate ad Agenzia Entrate Riscossione ad ogni costo, per evitare l'avvio di un'azione esecutiva sempre preceduta, naturalmente, da un accertamento patrimoniale. Anche perché il problema si riproporrebbe alla morte del debitore per quel che riguarda l'accettazione dell'eredità.

Se i cinque anni passassero senza problemi, suo padre potrebbe anche smettere di pagare le rate accettando, come conseguenza, il pignoramento della pensione che, tenuto conto della impignorabilità del minimo vitale, comporterebbe un minimo prelievo dal rateo mensile di pensione percepito. Ed il figlio, potrebbe rinunciare senza danno all'eredità, evitando così di accollarsi il debito del padre e perdere il locale che occupa a titolo di comodato.

17 gennaio 2018 · Paolo Rastelli


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

casa - limiti espropriazione esattoriale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

In mezzo ad una strada per i debiti di mio padre
Trovandomi nel bel mezzo di una procedura di pignoramento immobiliare complicata da tortuose vicende familiari frammiste a quelle aziendali del comproprietario, avviata tramite citofonata e successivo deposito di lettera nella mia cassetta postale, devo esporre il mio caso per chiedere lumi agli esperti del forum. In sostanza, la casa con ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Rateazione dei debiti con l'Agenzia delle entrate - Inadempimenti nei pagamenti delle somme dilazionate a seguito dell'attività di controllo
Il numero massimo di rate trimestrali in cui è consentito ripartire il debito dipende dall'importo da versare: fino a 5.000 euro, si può pagare in un massimo di 6 rate; oltre 5.000 euro, il debito può essere suddiviso al massimo in 20 rate. La prima rata va versata entro 30 ...
Come effettuare la rateizzazione di una cartella esattoriale con Agenzia delle Entrate-Riscossione
Oggi ci occuperemo di come inoltrare correttamente la domanda per poter effettuare la rateizzazione (o dilazione) di una (o diverse) cartella esattoriale dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione. Se hai ricevuto una cartella esattoriale, dall'Agenzia delle Entrate-Riscossione, e vuoi pagare il tuo debito a rate, puoi farlo in modo semplice e veloce inviando ...
Tutela della Maternità » Anche se moglie è casalinga il coniuge ha diritto ai riposi giornalieri
Tutela della maternità: interessante sentenza del Consiglio di Stato. Viene parificata la posizione della casalinga alla dipendente. I riposi giornalieri spettanti al pubblico dipendente in maternità possono essere usufruiti dal coniuge, sempre pubblico dipendente, la cui moglie è casalinga. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dal Consiglio di Stato con sentenza ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca