Sentenza di sfratto di cui non ho notizia e revoca del mandato inizialmente conferito al legale che si è occupato della questione


A inizio settembre contatto un mio amico avvocato per incaricarlo di trattare uno sfratto che riguardava un mini appartamento regalato da mio suocero prima di morire ai miei figli: l’inquilino non pagava ormai l’affitto da sei mesi ed aveva adibito stesso a centrale smistamento per droga e saltuariamente di prostituzione.

Noi non siamo ricchi e con l’affitto di 400 € gestivamo un po’ meglio l’economia familiare, quindi chiesi al mio amico avvocato di non rilasciarmi fattura.

Morale della favola a fine novembre il giudice gli dà lo sfratto ed ovviamente lui non se ne va, anzi dopo mesi mi manda un messaggio via whatsapp allucinante, dove dice che mi pagherà parte degli affitti e che sta cercando una nuova casa. Ovviamente tutte panzane.

Nel frattempo contatto il mio amico avvocato dicendogli di contattare un ufficiale giudiziario per iniziare la solita manfrina del primo approccio (una visita di cortesia), del secondo e forse arrivare al terzo con ufficiale giudiziario, polizia e fabbro.

Ho scritto ho cercato di contattare il mio amico avvocato ma questi, non mi risponde più, e a dire il vero non so neppure perché.

Ora, a parte il fatto che io non ho alcuna carta che mi attesti lo sfratto dal giudice, a parte che l’inquilino mi ha appunto contatto per riferirmi di dargli tempo menzionando lo sfratto, di trovarsi un altro appartamento, posso io fare una raccolta/AR al mio EX amico avvocato dove gli confermo di non voler più usufruire dei suoi “servigi? Corro qualche rischio per aver fatto tutto in nero se sorgessero ( spero proprio di no ) problemi ed eventuali di natura legale?
Vi ringrazio

Se c’è stata una sentenza di sfratto può verificarlo presso la cancelleria della sezione civile del tribunale territorialmente competente, ed in caso positivo può recuperare anche il decreto giudiziale cartaceo che la vede come attore.

Per quanto riguarda la revoca del mandato a suo tempo conferito al suo amico avvocato, il consiglio è di andarci con i piedi di piombo: sarebbe meglio cercare di contattarlo cercando un accordo. Infatti, lei ha sottoscritto un mandato (forse anche ampio) ma ha pagato in nero: il rischio che lei corre revocando il mandato per raccomandata AR, senza un accordo bonario, è quello di vedersi recapitare una parcella. A fronte dell’attività condotta per ottenere la sentenza di sfratto e dimostrabile dal mandato sottoscritto dal cliente, infatti, non corrisponde un pagamento tracciabile del cliente (a meno che lei non disponga di una ricevuta per i 400 euro già versati in contanti).

10 Gennaio 2022 · Marzia Ciunfrini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Sentenza di sfratto di cui non ho notizia e revoca del mandato inizialmente conferito al legale che si è occupato della questione