Disdetta affitto e proseguimento locazione senza contratto - Devo andarmene?

A Ottobre 2013 ho firmato un contratto d'affitto (4+4) per un piccolo appartamento nella periferia milanese: sono venuto a Milano per studiare.

Poco prima della scadenza dei 4 anni (maggio 2017) il proprietario mi ha inviato la diffida con la disdetta dell'affitto, dato che aveva bisogno della disponibilità dell'appartamento.

Gli ho chiesto tempo per cercarmi un'altra sistemazione, e mi ha assicurato non ci fossero problemi.

Così, diciamo, me la sono presa comoda.

Alla scadenza pattuita, comunque, ho continuato a vivere lì e ho pagato il canone nei mesi di novembre e dicembre 2017.

Dunque, siccome il proprietario non mi ha più parlato di andarmene, ho pensato ad un tacito rinnovo.

Ora, due giorni fa, invece, mi ha comunicato di dover lasciare l'appartamento, urgentemente, entro fine settimana.

Ma se ho continuato a pagare il canone nei mesi successivi alla diffida, non ho automaticamente rinnovato il contratto?

Devo andarmene? Cosa posso fare altrimenti?

Un contratto di locazione ha una data di scadenza che è fissata dalla legge e che le parti non possono ridurre: inoltre, alla sua scadenza, l'affitto si rinnova per un periodo di tempo uguale alla prima scadenza (altri 4 anni nel contratto 4+4, oppure altri 2 anni nel contratto 3+2).

Comunque sia il locatore che il conduttore possono impedire il rinnovo automatico dell'affitto inviando una disdetta prima della scadenza e facendola pervenire all'altra parte non meno di 6 mesi prima della scadenza.

Purtroppo, i successivi rinnovi del contratto di locazione non possono essere desunti da comportamenti taciti: per attivare un contratto di affitto è sempre necessario un contratto scritto che va, necessariamente, registrato all'Agenzia delle entrate.

Al contrario il contratto è inesistente.

Di questo avviso anche la Corte di Cassazione, la quale, con ordinanza 29313/17, ha chiarito che la stipula o la rinnovazione tacita di un contratto di locazione non può desumersi dal fatto della permanenza del conduttore nella detenzione della cosa locata oltre la scadenza del termine, né dal pagamento e dall'accettazione dei canoni e neppure dal ritardo con il quale sia stata promossa l'azione di rilascio, occorrendo che questi fatti siano qualificati da altri elementi idonei a far ritenere in modo non equivoco la volontà delle parti di mantenere in vita il rapporto locativo con rinuncia tacita, da parte del locatore, agli effetti prodotti dalla scadenza del contratto.

In parole povere, non basta che l'inquilino sia rimasto a vivere, dopo una diffida di rilascio inviata correttamente, nell'appartamento precedentemente concesso in locazione, anche se abbia continuato a pagare il canone, per configurare un rinnovo del contratto.

In tali casi, su richiesta del proprietario, è bene lasciare l'appartamento.

30 gennaio 2018 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contenzioso su contratto di locazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione personale tra coniugi » Ex casa coniugale in affitto: ora chi paga il contratto di locazione?
Separazione personale tra due coniugi: in caso di contratto di locazione per l'ex casa coniugale, il padrone di casa da chi deve pretendere il pagamento dell'affitto? Chiariamo la questione nell'articolo seguente. Come sappiamo, nella fattispecie di una separazione personale tra due coniugi, durante la controversia in tribunale, viene decisa anche ...
Canone Rai » A chi è dovuto l'onere in caso di contratto di locazione?
Si è stipulato un contratto di locazione come affittuario e l'apparecchio televisivo appartiene al proprietario dell'appartamento: chi deve pagare il canone rai? Lo spieghiamo nel prosieguo dell'articolo. E' bene notare che dal 2016 l'addebito del canone Rai, vale a dire dell'imposta sul possesso della televisione, finisce direttamente nella bolletta della ...
Canoni di locazione » Il versamento dell'affitto è dovuto fino alla riconsegna delle chiavi dell'appartamento
Il conduttore deve continuare a pagare l'affitto finché non riconsegna le chiavi dell'immobile: non importa se ha smesso smesso di viverci da diverso tempo perché, ad esempio, è crollato il soffitto. Non è consentito, infatti, al conduttore astenersi dal versare il canone, ovvero ridurlo unilateralmente, nel caso in cui si ...
Contratti di locazione » Bonus Irpef per i proprietari che affittano immobili a canone basso
Contratti di locazione: bonus per i locatori che affittano casa a canone agevolato. Deduzione del 20% dell'IRPEF sul costo di acquisto. In arrivo agevolazioni e vantaggi per i proprietari di immobili che, entro 6 mesi dall'acquisto o dalla relativa costruzione, stipuleranno un contratto di locazione a canone libero, con un ...
Affitto in nero » Nullo il contratto verbale anche se l'inquilino denuncia il proprietario al fisco
Il Tribunale di Roma, con una recente sentenza, ha sancito la nullità, per difetto di forma, dei contratti di affitto non stipulati in forma scritta. La pronuncia emessa dai giudici capitolini mette un freno alla prassi della denuncia verbale dei rapporti locatizi da parte di coloro che erano stati costretti ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande