Detrazioni fiscali per spese mediche sostenute a favore della convivente di fatto – Avrò diritto alla detrazione?

Fra me e la mia compagna è stata formalizzata da tempo, presso gli uffici anagrafici, una stabile convivenza di fatto. Quest’anno ho sostenuto rilevanti spese mediche per lei, e vorrei sapere se queste spese sono detraibili nella prossima dichiarazione dei redditi.

Devono intendersi come conviventi di fatto, due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile.

I conviventi di fatto hanno gli stessi diritti spettanti al coniuge nei casi previsti dall’ordinamento penitenziario. Inoltre, in caso di malattia o di ricovero, i conviventi di fatto hanno diritto reciproco di visita, di assistenza nonché di accesso alle informazioni personali, secondo le regole di organizzazione delle strutture ospedaliere o di assistenza pubbliche, private o convenzionate, previste per i coniugi e i familiari.

Si tratta di quanto previsto dagli articoli 36 e seguenti della legge 76/2016, inerente la regolamentazione delle unioni civili tra le persone dello stesso sesso e la disciplina delle convivenze di fatto (cosiddetta legge Cirinnà).

Ora, la legge Cirinnà equipara al vincolo giuridico derivante dal matrimonio quello prodotto dalle unioni civili, stabilendo che le disposizioni che si riferiscono al matrimonio e le disposizioni contenenti le parole coniuge, coniugi o termini equivalenti, ovunque ricorrono nelle leggi, negli atti aventi forza di legge, nei regolamenti nonché negli atti amministrativi e nei contratti collettivi, si applicano anche ad ognuna delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso.

Per quanto riguarda, invece, le convivenze di fatto, tra due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune, la legge Cirinnà non ha disposto l’equiparazione al matrimonio.

Pertanto, il convivente non può fruire della detrazione relativa alle spese sostenute nell’interesse dell’altro convivente.

12 Ottobre 2018 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Spese mediche disabili - Per quali è possibile fruire di detrazioni fiscali?
Da poco è morta mia madre e ho deciso di occuparmi e prendermi a carico mio fratello, che è disabile: siccome non sono molto ferrato in materia vorrei sapere quali sono per legge le detrazioni di cui si può usufruire per le spese mediche. Potete aiutarmi? ...

Prestazioni di lavoro promiscue (autonomo e dipendente) nel corso del 2018 - Potrò detrarre le spese sanitarie sostenute quando svolgevo attività con partita IVA in regime forfetario?
Durante il primo semestre del 2018 ho svolto attività di lavoro autonomo con partita IVA, poi a giugno dello stesso anno sono stata assuna con contratto di lavoro dipendente. Ho un dubbio: a marzo 2018 ho sostenuto spese mediche di cui mi è stata rilasciata fattura. Nella dichiarzione 2019 redditi 2018 potrò fruire delle detrazioni di legge? ...

Spese sanitarie - Per quali si ha diritto alla detrazione irpef 2019?
Nel corso del 2018, ho dovuto affrontare alcune spese sanitarie per una patologia diagnosticata a mio figlio: vorrei sapere per quali tipi di quelle è possibile fruire della detrazione irpef. Potete aiutarmi? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Detrazioni fiscali per spese mediche sostenute a favore della convivente di fatto – Avrò diritto alla detrazione?