Come capire se una cartella esattoriale rientra nella rottamazione ter - Data di esecutività del ruolo o data di affidamento del ruolo al concessionario della riscossione?

Ho una cartella agenzia delle entrate riscossione recante al suo interno la data 20 dicembre 2017 come data di esecutività del ruolo. Presso gli uffici dell'agenzia delle entrate riscossione mi riferiscono però, che il ruolo a loro risulta iscritto il 25.01.2018 e pertanto la cartella non potrà rientrare nella nuova rottamazione ter.

Chiamando il numero verde della stessa agenzia entrate e riscossione l'operatore mi riferisce invece che devo tenere in considerazione la data all'interno della cartella con la dicitura: resa esecutiva (ovvero quella del 20.12.2017).

Il legislatore non è stato molto accorto quando ha confezionato la normativa: l'ente creditore (INPS, Agenzia Entrate, Regione e Comuni per tributi locali e sanzioni amministrative), quando decide che il credito non è più recuperabile con le buone (avvisi di accertamento non esecutivi e verbali di infrazione già scaduti), ma occorrono le maniere forti (leggasi riscossione coattiva, ovvero, per quanto qui ci interessa, la cartella di pagamento o esattoriale) iscrive a ruolo il credito, ovvero inserisce il nome e i dati del debitore in una lista. E' quella la data di esecutività del ruolo (che viene indicata nel titolo esecutivo notificato al debitore).

Capita, tuttavia che la lista dei debitori da escutere coattivamente venga poi affidata al concessionario della riscossione (Agenzia Entrate Riscossione ADER - ex Equitalia) non nello spazio di pochi giorni, ma dopo qualche mese (si tratta della data di affidamento del ruolo, che non è nota al debitore destinatario della cartella esattoriale, ma solo al creditore ed al concessionario della riscossione).

Ne consegue la tipica situazione in cui lei versa ed in cui mi ci sono trovata io personalmente, non avendo potuto aderire alla rottamazione bis (per la definizione agevolata, infatti, erano ammesse le cartelle esattoriali affidate al concessionario entro il 30 settembre 2017) di una cartella esattoriale riferita ad un debito iscritto a ruolo nel giugno 2017, ma consegnato al concessionario della riscossione (data di affidamento del ruolo) a ottobre 2017 e che, pertanto, ho dovuto rateizzare senza fruire degli sconti previsti.

Che fare in questi casi? Ci si può recare presso il concessionario e chiedere le necessarie informazioni oppure, più semplicemente, presentare la domanda, comunque, sperando che venga accolta, magari in base al buon senso di qualche circolare interna ad ADER.

Concludendo: l'operatore del call center ha perfettamente ragione, la data che dovrebbe essere tenuta in considerazione, in un mondo che funzionasse in base a logiche semplici e trasparenti, sarebbe la data di esecutività del ruolo. Purtroppo, però, chi ha redatto materialmente la normativa (la ormai famigerata manina) ha scritto che per rientrare, o essere esclusi dalla definizione agevolata, bisogna tener conto della data di affidamento del ruolo al concessionario, un dato aleatorio e, soprattutto, ignoto al destinatario.

8 novembre 2018 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

condono sanatoria rottamazione definizione agevolata delle cartelle esattoriali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale illegittima senza data di esecutività dei ruoli
La cartella esattoriale è illegittima se non indica la data in cui i ruoli sono stati resi esecutivi (la data di esecutività dei ruoli o la data di consegna dei ruoli) La Cortedi Cassazione ha ritenuto illegittima la cartella esattoriale che non contenga l'indicazione precisa della data di esecutività (Cassazione, ...
Estratto di ruolo - impugnabile se manca la notifica della cartella
La Cassazione, con ordinanza del 3 febbraio 2014 numero 2248, ha ribadito ancora una volta l'ammissibilità del ricorso tributario avverso l'estratto di ruolo, a condizione che la cartella non sia stata notificata (perchè in tal caso il ricorso deve essere proposto avverso la cartella, entro 60 giorni dalla notifica). La ...
L'estratto di ruolo è una riproduzione fedele ed integrale degli elementi essenziali contenuti nella cartella esattoriale ed è valido ai fini probatori
Per la riscossione delle somme non pagate il concessionario procede ad espropriazione forzata sulla base del ruolo, che costituisce titolo esecutivo: così recita l'articolo 49 del dpr 602/73. La cartella esattoriale non è altro che la stampa del ruolo in unico originale notificata alla parte; l'estratto di ruolo è una ...
Ricorso contro la cartella esattoriale se manca la data di consegna del ruolo
Con una recente sentenza la Suprema Corte ha stabilito l'obbligo di indicazione della data di consegna del ruolo al Concessionario all'interno della cartella esattoriale. Tale omissione, infatti, comporta l'illegittimità dell'atto poiché non permette al contribuente di verificare il preciso ammontare degli interessi liquidati (Sentenza Corte Cassazione numero 22997/10). ...
Cartella esattoriale da agenzia entrate-riscossione » Come chiedere sospensione e annullamento della riscossione per importi non dovuti
In caso di ricezione di una cartella esattoriale, o altri atti, da agenzia delle entrate-riscossione, ecco come chiedere sospensione e annullamento della riscossione per importi non dovuti. Se si ritiene che la richiesta di pagamento presente nella cartella esattoriale o nell'avviso non sia dovuta, è possibile chiedere all'Agenzia delle entrate-Riscossione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca