Decreto ingiuntivo enel verso associazione sportiva dilettantistica

La precedente associazione contrae un debito con Enel di 20 mila euro, per bollette non pagate nel 2008 e 2009. Nel 2009 cambia gestore e si affida a Edison. Nel 2012 cessa di esistere.

Nel frattempo nello stesso impianto insiste un'altra associazione sportiva con altra ragione fiscale.

In ottobre 2015 arriva decreto ingiuntivo a questa nuova associazione, datato 2011, mai ricevuto e contesta il pagamento di quel debito.

E' legittimo? Considerando che non abbiamo mai usato Enel e siamo una associazione con altra ragione fiscale.

Quando si occupano locali serviti da alimentazione di energia elettrica, bisogna effettuare la voltura o il subentro del contratto di fornitura: in pratica formalizzare chi è obbligato al pagamento dei servizi erogati.

La voltura è meno costosa e più rapida del subentro, in quanto permette di evitare le spese relative alla disattivazione ed alla successiva riattivazione del contatore. Con la procedura di voltura il nuovo intestatario si obbliga a rimborsare al fornitore gli eventuali debiti lasciati dal soggetto a cui era precedentemente intestato il contratto.

L'omessa voltura del contratto equivale ad una voltura di fatto.

Per evitare l'effetto indesiderato di essere poi obbligato a pagare i debiti pregressi accumulati dal precedente contraente, l'unica soluzione è quella di effettuare un subentro.

Quando non si effettua né la voltura, né il subentro (voltura di fatto) chi fruisce, al momento dell'azione giudiziale, preludio a quella esecutiva, dei servizi di fornitura di energia (anche successivamente ad un passaggio ad altro fornitore) è obbligato al pagamento dei debiti accumulati per i consumi.

La stessa cosa varrebbe per una persona fisica che avesse occupato l'appartamento in epoca successiva all'originario contraente senza procedere a formalizzare la titolarità del contratto. Anche qui il nuovo inquilino dell'appartamento potrebbe pacificamente eccepire di non aver mai fruito dei servizi del creditore procedente e di avere un diverso codice fiscale dal debitore effettivo. Sarebbe comunque obbligato a pagare.

22 ottobre 2015 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Decreto ingiuntivo, opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria
Attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria il legislatore si è posto come obiettivo quello di rendere il procedimento giudiziale la extrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al ...
Da quando decorre la prescrizione di un decreto ingiuntivo?
Un decreto ingiuntivo ha prescrizione decennale, non ci piove, ma ci si chiede da quale momento la prescrizione decennale decorra. La prescrizione decennale di un decreto ingiuntivo, prevista dall'articolo 2953 del codice civile, decorre non dal giorno in cui sia possibile l'esecuzione della sentenza, né da quello della sua pubblicazione, ...
Condominio » Valido il decreto ingiuntivo emesso venti giorni dopo la messa in mora
E' valido il decreto ingiuntivo contro il condomino, per le spese, emesso venti giorni dopo dalla preventiva costituzione in mora. È valido il decreto ingiuntivo contro il condomino, per le spese, emesso venti giorni dopo dalla preventiva costituzione in mora: l'opponente può formulare la domanda di annullamento dell'atto per il ...
Prima di procedere con opposizione a decreto ingiuntivo il debitore deve effettuare un tentativo di mediazione
La normativa vigente, attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria, mira a rendere il processo la estrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al processo e ha il potere ...
Pubblicità ingannevole » Lo spot fraudolento di Enel Energia
L'Antitrust (Agcm) con il bollettino del 23 Settembre 2013 ha dichiarato di aver inflitto alla società di Enel Energia una sanzione di centomila euro: il motivo è rappresentato dalla pubblicità dell'offerta Tutto compreso gas, ritenuta ingannevole. Le pratiche commerciali scorrette sono un brutto vizio da cui non si salva proprio ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca