Decreto ingiuntivo enel verso associazione sportiva dilettantistica

La precedente associazione contrae un debito con Enel di 20 mila euro, per bollette non pagate nel 2008 e 2009. Nel 2009 cambia gestore e si affida a Edison. Nel 2012 cessa di esistere.

Nel frattempo nello stesso impianto insiste un’altra associazione sportiva con altra ragione fiscale.

In ottobre 2015 arriva decreto ingiuntivo a questa nuova associazione, datato 2011, mai ricevuto e contesta il pagamento di quel debito.

E’ legittimo? Considerando che non abbiamo mai usato Enel e siamo una associazione con altra ragione fiscale.

Quando si occupano locali serviti da alimentazione di energia elettrica, bisogna effettuare la voltura o il subentro del contratto di fornitura: in pratica formalizzare chi è obbligato al pagamento dei servizi erogati.

La voltura è meno costosa e piu’ rapida del subentro, in quanto permette di evitare le spese relative alla disattivazione ed alla successiva riattivazione del contatore. Con la procedura di voltura il nuovo intestatario si obbliga a rimborsare al fornitore gli eventuali debiti lasciati dal soggetto a cui era precedentemente intestato il contratto.

L’omessa voltura del contratto equivale ad una voltura di fatto.

Per evitare l’effetto indesiderato di essere poi obbligato a pagare i debiti pregressi accumulati dal precedente contraente, l’unica soluzione è quella di effettuare un subentro.

Quando non si effettua né la voltura, né il subentro (voltura di fatto) chi fruisce, al momento dell’azione giudiziale, preludio a quella esecutiva, dei servizi di fornitura di energia (anche successivamente ad un passaggio ad altro fornitore) è obbligato al pagamento dei debiti accumulati per i consumi.

La stessa cosa varrebbe per una persona fisica che avesse occupato l’appartamento in epoca successiva all’originario contraente senza procedere a formalizzare la titolarità del contratto. Anche qui il nuovo inquilino dell’appartamento potrebbe pacificamente eccepire di non aver mai fruito dei servizi del creditore procedente e di avere un diverso codice fiscale dal debitore effettivo. Sarebbe comunque obbligato a pagare.

22 Ottobre 2015 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decreto ingiuntivo da Enel servizio elettrico - Come faccio a pagare se sono disoccupato?
Circa 3 anni fa ero proprietario di un'attività commerciale che poi causa crisi ho dovuto cessare: dopo aver chiuso l'attività sapevo di avere un debito nei confronti di Enel servizio elettrico di circa mille e settecento euro ma purtroppo non ho potuto e non posso pagare perchè sono senza lavoro. Ad oggi mi è arrivato un atto ingiuntivo per la somma di cui sopra io credevo che non avrebbero mai fatto un'ingiunzione di pagamento ma che al massimo passavano la pratica a un'agenzia di recupero crediti. Ora voi credete che procederanno passati i 40 giorni a farmi un atto di ...

Debito con fornitore per mancato pagamento ri.ba (decreto ingiuntivo) parte 2
In riferimento a questa mia domanda, vorrei ulteriori chiarimenti E' automatico che dopo un decreto ingiuntivo di pagamento arriva l'ufficiale giudiziario?? E dopo quanto arriva (esattamente dopo 40 giorni?) ma prima che arrivi mi arriva qualche comunicazione scritta? Oppure quanto me lo vedo davanti?? Può venire anche a casa? E quando arriva lo devo per forza fare entrare ... oppure posso respingerlo? Oppure posso dirgli se deve pignorare di venire in negozio e non a casa dei miei? Come mi devo comportare? Scusate ma sta cosa mi terrorizza ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Decreto ingiuntivo enel verso associazione sportiva dilettantistica