Debito con avvocato, ma sono disoccupato e nullatenente

Mi trovo in una situazione spiacevole, ho un debito con un avvocato di circa 1500 euro, un debito risalente a circa 4 anni fa per una causa assurda che non sto qui a spiegarvi; partendo dal presupposto che l'avvocato in questione mi aveva dato la sua parola che io non avrei dovuto sborsare un euro per la causa e poi ora se ne viene fuori con questa parcella.

Io sono disoccupato e nullatenente, in quanto sto ancora frequentando un master post laurea e non ho idea di quando comincerò a lavorare, dato che dopo il master potrei andare avanti con intership vari e quindi di conseguenza non avrei un reddito. Vorrei chiedere, cosa succede se questo avvocato mi cita in giudizio per chiedermi i soldi?

Questa domanda mi sorge in quanto ho ricevuto una chiamata dallo stesso avvocato in cui sono stato intimato a versare la somma dovuta altrimenti sarei stato chiamato in causa e la somma dovuta sarebbe salita. Insomma praticamente sta cercando di mettermi paura, ma io ho spiegato nella maniera più educata possibile che non ho un reddito e sono nullatenenente e non ho idea di dove prendere i soldi, e non so quando li avrò .

Cosa devo fare? Cosa mi può capitare? Se fra 5 anni comincio a percepire uno stipendio e potrò saldare il debito, sarà sempre lo stesso di oggi o sarà diventato molto più cospicuo?

Per debiti con i professionisti, come l'avvocato, vige quella che si chiama prescrizione presuntiva triennale.

Se non vi sono comunicazioni scritte del professionista che richiede l'onorario entro tre anni dalla prestazione resa (ad esempio la data dell'udienza giudiziale) e se il debitore non ha, sempre per iscritto, ammesso esplicitamente o implicitamente, l'esistenza del debito, il pagamento si presume avvenuto.

Per quanto attiene la prescrizione presuntiva può approfondire la problematica in questa sezione e verificare se nel suo caso ricorrono gli estremi per eccepirla.

In sede giudiziale, naturalmente, gli avvocati riescono spesso a "bastonare" i propri clienti inadempienti. Per difendersi occorre, sempre assistiti da un avvocato, contestare le tariffe applicate chiedendo che la parcella sia vidimata dall'ordine.

Le azioni esecutive avviate nei confronti del debitore sono quelle classiche: pignoramento del 20% dello stipendio mensile e/o pignoramento del conto corrente.

Il debito iniziale viene gravato da interessi moratori per ritardato pagamento e spese legali per il recupero coattivo del dovuto.

3 marzo 2015 · Giorgio Martini


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ho debiti ma sono nullatenente
prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti
prescrizione presuntiva

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Decorrenza degli interessi moratori per la parcella contestata
In tema di liquidazione di diritti ed onorari di avvocato e procuratore a carico del cliente, la disposizione comune alle tre tariffe forensi (civile, penale e stragiudiziale) prevede che gli interessi di mora decorrano dal terzo mese successivo all'invio della parcella. Tuttavia quando insorge controversia tra l'avvocato ed il cliente ...
Patto di quota lite - l'avvocato non può pretendere un compenso percentualmente rapportato al danno risarcito al cliente
Il patto di quota lite è l'accordo che può intervenire fra avvocato e cliente in virtù del quale il primo percepisce, quale compenso per l'attività espletata, una quota del bene oggetto della lite, a risultato ottenuto. Secondo il Consiglio nazionale Forense è illecito l'accordo volto a spartirsi il ricavato al ...
Giudice di pace » Considerazioni sulle cause sotto i 1100 euro senza avvocato
Giudice di pace: come noto, c'è la possibilità di presentarsi in giudizio senza avvocati per cause con valore fino a 1.100 euro. Ma al consumatore/debitore conviene questa pratica? Cerchiamo di chiarirlo nel prosieguo dell'articolo. Come noto, è di 1.100 euro il limite di valore entro il quale si può stare ...
Il debitore che ammette il debito o ne contesta l'importo rischia di non beneficiare della prescrizione presuntiva
Non può essere accolta la prescrizione presuntiva del credito quando il debitore ammette la mancata estinzione del debito e/o quando il debitore ne contesta la congruità. Secondo giurisprudenza consolidata, infatti, l'ammissione del debitore di non aver estinto il debito ovvero la contestazione, da parte dello stesso, dell'entità dell'importo preteso dal ...
Cassa forense - Nessun differimento dei termini di prescrizione quando l'avvocato comunica redditi inferiori a quelli dichiarati al fisco
La comunicazione alla cassa forense di una dichiarazione reddituale che riporta l'ammontare del reddito professionale dichiarato ai fini IRPEF o l'ammontare del volume dichiarato ai fini IVA in misura diversa da quella dichiarata al fisco, esclude il decorso del termine di prescrizione per la contribuzione dovuta sulla parte di reddito ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca